Tempo di lettura: 4 minuti
SERIE A, TRENTACINQUESIMA GIORNATA

PARMA-ATALANTA 2-5: FESTIVAL DEL GOL, TRE DALLA PANCHINA

Avanti così: l’Atalanta torna travolgente e segna cinque gol al Parma già retrocesso che la riportano seconda in classifica in una gara praticamente mai in discussione. Avanti in avvio con il gol del solito Malinovskyi, nella ripresa Gasp sfonda con i cambi e va a segno con Pessina, Muriel (doppietta) e Miranchuk nel recupero subendo anche due gol (evitabili) dai ducali tra il terzo e il quarto. Quel che conta però è che la Dea vince e inizia al meglio la sua settimana più importante del campionato che dirà molto su quali saranno i destini europei atalantini nella prossima stagione.

Parma: tutto secondo copione. L’Atalanta addomestica il Parma, torna al secondo posto e si mette comoda in poltrona in attesa di Juventus-Milan di stasera; al Tardini, di fatto, non c’è partita di fronte agli emiliani già in Serie B, la banda di Gasperini fa il suo dovere, si prende un paio di sbandate con due gol evitabili, ma ne rifila cinque ai malcapitati avversari iniziando al meglio la settimana decisiva del campionato con le sfide a Benevento e Genoa prima del gran finale con il Milan tra due settimane (dopo la finale di Coppa Italia).

RIECCO ILICIC DAL 1′: il Gasp propone qualche variazione rispetto alla gara pareggiata con il Sassuolo con Ilicic che torna titolare in attacco con Zapata e Malinovskyi a supporto mentre sulle fasce torna Maehle insieme a Gosens. Tra i pali c’è Sportiello al posto dello squalificato Gollini. Nel Parma, mister D’aversa schiera tre dei quattro ex nerazzurri dal primo minuto: giocano infatti Grassi e Kurtic in mezzo mentre davanti c’è il danese Cornelius con Gervinho mentre tra i pali rientra Sepe.

MALINOVSKYI LA SBLOCCA SUBITO: c’è il sole sul Tardini all’ingresso in campo delle squadre sul terreno di gioco con il match che prende il via e l’Atalanta prende da subito la metà campo del Parma per provare a sbloccare il match: al nono Maehle mette un bel pallone in mezzo per Zapata che non ci arriva di un soffio nella deviazione vincente, poi al dodicesimo Malinovskyi conferma il suo grande stato di forma sbloccando il match con una bella conclusione da fuori che non da scampo a Sepe e manda gli ospiti sull’1-0.

LA TRAVERSA FERMA ZAPATA: sbloccato il match, l’Atalanta cerca di metter il risultato al sicuro peccando tuttavia di precisione: al diciannovesimo e al ventesimo doppia occasione di testa per Gosens che manda fuori di poco nella prima occasione e spedisce in bocca Sepe la seconda. Il Parma si fa vivo alla mezz’ora con un calcio di punizione di Bruno Alves che si infrange contro la barriera e Malinovskyi recupera e fa ripartire l’azione. Al trentadue altra ghiotta per l’Atalanta quando Ilicic di tacco per Freuler che serve Zapata, e il colombiano colpisce la traversa con Sepe immobile. Poco altro da dire di qui in avanti di un primo tempo che si chiude senza recupero e con i nerazzurri avanti al Tardini di un gol.

RIPRESA, PESSINA ENTRA E RADDOPPIA!: subito due cambi da parte del Gasp dopo l’intervallo con Pessina e Muriel in campo al posto di Ilicic e Zapata dando così un volto nuovo all’attacco della Dea in questa ripresa che prende il via con proprio i due neo entrati che confezionano l’azione che manda sul 2-0 i nerazzurri: bell’assist di Muriel al limite dell’area per Matteo Pessina che entra in area e calcia di sinistro sul secondo palo non lasciando scampo a Sepe.

MURIEL SERVE IL TRIS, BRUNETTA ACCORCIA: con due gol di vantaggio, il Gasp pensa ad un altro cambio anche in vista del match di mercoledì con il Benevento richiamando Malinovskyi in panchina ed inserendo Miranchuk nel medesimo ruolo e, a metà ripresa, anche Hateboer sulla fascia al posto di Gosens e Pasalic per Freuler. Al ventinove Djimsiti di testa in area sfiora il tris che due minuti dopo trova invece Muriel dopo la bella combinazione tra Miranchuk e Pasalic che mandano in porta il colombiano che firma il 3-0 per la Dea. Poco più di un minuto e il Parma trova il gol che accorcia le distanze con Brunetta che sfrutta al meglio l’assist di Busi (e il pisolino della difesa nerazzurra) per bucar la porta di Sportiello: 3-1 ad un quarto d’ora dalla fine.

LA GIOSTRA DEL GOL: ANCORA MURIEL, POI SOHM PER IL PARMA: nel finale saltano un po’ tutti gli schemi, il Parma prova a voler complicar ulteriormente i piani alla Dea, e si finisce per veder tre gol negli ultimi minuti di gara: a quattro dalla fine Muriel realizza la sua doppietta personale: contropiede nerazzurro, Pessina tira ma Sepe respinge e devia sul palo, Muriel a porta vuota deposita in rete; come avvenuto in precedenza, il Parma riesce subito ad accorciare con Sohm, servito da Pellè, approfitta di una nuova distrazione della difesa nerazzurra, salta Sportiello e segna.

LA CINQUINA DI MIRANCHUK PER IL SECONDO POSTO: al terzo dei quattro di recupero la Dea chiude il match con una cinquina firmata da Miranchuk in contropiede dopo che Sepe aveva respinto due volte la conclusione di Pasalic. Finisce 5-2, ma probabilmente fosse proseguito il match si sarebbe segnato ancora. L’Atalanta mette altri tre mattoni pesantissimi sul suo secondo posto ed ora attende comodamente l’esito di Juve-Milan di questa sera da posizione privilegiata. Inizia al meglio la settimana più importante del campionato nerazzurro: avanti così!

IL TABELLINO:

PARMA-ATALANTA 2-5 (primo tempo 0-1)

RETI: 12′ Malinovskyi (A), 7′ st Pessina (A), 32′ st, 41′ st Muriel (A), 33′ st Brunetta (P), 43′ st Sohm (P), 48′ st Miranchuk (A)

PARMA (4-3-3): Sepe; Busi, Alves, Osorio, Gagliolo (35′ st Conti); Grassi (15′ st Valenti), Sohm, Kurtic; Kucka (31′ st Camara), Cornelius (31′ st Brunetta), Gervinho (15′ st Pellè).
A disp.: Colombi, Rinaldi, Balogh, Bani, Laurini, Zagaritis, Dierckx. All.: D’Aversa

ATALANTA (3-4-2-1): Sportiello; Palomino, Romero, Djimsiti; Maehle, De Roon, Freuler (31′ st Pasalic), Gosens (23′ st Hateboer); Ilicic (1′ st Pessina), Malinovskyi (13′ st Miranchuk); Zapata (1′ st Muriel). A disp.: Gelmi, Rossi, Lammers, Caldara, Kovalenko, Ruggeri. All.: Gasperini

ARBITRO: Giua di Olbia

NOTE: gara di andata: Atalanta-Parma 3-0 – match disputato a porte chiuse – ammoniti: Grassi (P) e Hateboer (A) – recuperi: 0′ p.t. e 4′ s.t.

image_pdfimage_print