Tempo di lettura: 2 minuti

ALL.: GASPERINI 6: la domina praticamente per oltre un’ora, poi con i cambi la squadra (che probabilmente era un po’ in debito) non tiene più l’Udinese che rientra in partita e poi la pareggia. Peccato, ma dobbiamo essere contenti di questo punto, come ha giustamente detto anche lui in conferenza stampa.

SPORTIELLO 5.5: forse è in leggero ritardo quando parte la punizione di Deulofeu che vede partire all’ultimo e che riapre così una partita sin li apparsa a senso unico.

OKOLI 7: tosto e impeccabile per un’ora abbondante, poi anche lui nel finale sente la fatica.

DEMIRAL 6.5: lotta e non molla un centimetro, guida la difesa da vero leader.

SCALVINI 5.5: bene per larghi tratti del match, poi però da una sua distrazione nasce l’azione del pari friulano. (RUGGERI s.v.: dentro nel finale, ingiudicabile).

HATEBOER 6.5: bravo, altra partita attenta in copertura ma ottima anche in fase di proposizione offensiva.

DE ROON 6.5: diga quasi insormontabile la in mezzo, nella ripresa sbava un po’ ma resta sempre più che positiva la sua prova.

KOOPMEINERS 7: il passaggio che apre la strada al primo gol della Dea vale da solo il prezzo del biglietto. Il resto è la solita, grandissima partita di quantità e qualità.

MAEHLE 5: troppi palloni persi, poca lucidità. Da la sensazione di non entrare mai in partita. (SOPPY s.v.: ultimo quarto d’ora in campo per lui. Non lascia tracce di se).

PASALIC 5.5: timido in avvio, non da l’impressione di esser sicurissimo di se, poi sbaglia anche lui in occasione del gol del pari (EDERSON s.v.: anche per lui solo uno sprazzo di partita nel finale di gara).

LOOKMAN 7: il solito impatto devastante sul match: velocità, grinta e un altro gol pesantissimo. Esultanza con beffa, viene ammonito senza sapere il perchè. (MALINOVSKYI 5: impatto negativo sul match. Combina poco, sbaglia tanto. Non bene).

MURIEL 7.5: corre, ispira e segna. E’ in un momento positivo, ricomincia a sorridere e questo è il punto di partenza principale per lui che oggi ritrova la rete prendendosi la responsabilità non da poco di andar sul dischetto a calciare. (HOJLUND 6: qualche spunto interessante, poi però non si mette in evidenza).

image_pdfimage_print