Tempo di lettura: 4 minuti

SERIE A, QUATTORDICESIMA GIORNATA

ROMA-ATALANTA 0-2: GOMEZ E IL TANQUE FIRMANO L’IMPRESA

Grandissima vittoria dell’Atalanta, che torna a vincere in casa della Roma a distanza di anni e lo fa con una partita praticamente perfetta in una gara con davvero poche emozioni fino al gol di Gomez che, nel finale di primo tempo, permette ai ragazzi di Reja di passare in vantaggio. Dopo l’intervallo la Roma prova a reagire ma è ancora l’Atalanta a sfiorare prima il raddoppio con una grande opportunità non sfruttata da Moralez e poi trovandolo a dieci dalla fine con un calcio di rigore realizzato da Denis. Nel finale succede poco o nulla, non fosse per le due espulsioni davvero schiocche rimediate da Stendardo e Grassi per doppia ammonizione. Resta tuttavia la grandissima impresa dei ragazzi di Reja che volano a quota ventuno punti in classifica.

Roma: due squadre ferite, chi per un motivo, chi per un’altro: una Roma che arriva dalla tremenda scoppola rimediata in quel di Barellona nel martedì di Champions, di contro un’Atalanta che è reduce dalla sconfitta interna col Toro che ha decisamente demotivato l’ambiente, non tanto per l’aver perso una partita ma quanto per il chiaro calo dal punto di vista del gioco che è risultato decisamente inspiegabile. Due deluse insomma, a caccia del riscatto, nonostante i giallorossi siano a tre punti dalla vetta ed i nerazzurri navighino in acque tranquille: stranezze del calcio moderno.

DEA COI CEROTTI: problemi di formazione per Reja che si ritrova poche ore prima della gara senza Pinilla infortunato e, pochi attimi prima del fischio d’inizio anche De Roon non è al meglio costringendo il tecnico ad inserire Denis al posto del primo e Cigarini in ruolo del secondo con Raimondi e Brivio esterni di difesa ed i ritorni di Kurtic e Grassi a centrocampo. Tanti cambi anche nella Roma, con un ambiente tutt’altro che favorevole dopo la brutta sconfitta di coppa e con Garcia che cambia anche tra i pali inserendo De Sanctis ed affidandosi in avanti ad Iturbe, Florenzi e Dzeko in mezzo.

AVVIO LENTO: avvio di gara privo di emozioni ma con i nerazzurri bravi a cercare di proporsi in avanti senza attendere troppo i giallorossi che si fanno vedere al quarto d’ora quando Pjanic conclude in area e Sportiello è bravo a deviar la palla in corner. L’Atalanta risponde pochi istanti dopo con una bella iniziativa di Gomez che costringe la difesa capitolina a mettere in angolo con qualche affanno.

LA ROMA CI PROVA: intorno alla mezz’ora la squadra di casa ha un paio di sussulti, il primo con Dzecko che conclude al volo all’interno dell’area e la sfera che sfila vicino all’incrocio e poi con un fraseggio ai limiti dell’area ed Iturbe che conclude alto sopra la traversa della porta difesa da Sportiello.

GOMEZ NON SCHERZA: il possesso-palla giallorosso trova però una falla a sei minuti dalla fine quando un errato disimpegno in fase difensiva di Digne finisce per regalare il pallone alla micidiale accelerazione di Papu Gomez che fa partire una sassata che si infila sotto l’incrocio della porta di De Sanctis e porta avanti la squadra di Reja. A quel punto scorrono senza particolari patemi i pochi minuti che separano il match dall’intervallo con i nerazzurri che vanno al riposo con un tasca un preziosissimo 1-0.

CIGA, COME UN GOL: il match ricomincia con i medesimi ventidue che hanno chiuso la prima frazione ed, inevitabilmente, i giallorossi che spingono a caccia del pareggio ed al settimo è fondamentale il salvataggio sulla linea di Cigarini sugli sviluppi di un corner in cui la conclusione di Iturbe pareva a colpo sicuro. L’Atalanta risponde pochi minuti dopo con una bella azione di Denis che, una volta entrato in area, mette al centro un pallone delizioso che non trova tuttavia fortuna con la difesa della Roma che si salva.

MAXI, MA COSA SBAGLI??: ma al quarto d’ora è davvero clamorosa l’occasione che l’Atalanta sciupa per raddoppiare quando Maxi Moralez scappa via alla marcatura del difensore in contropiede e si ritrova a tu per tu con De Sanctis ma si fa ipnotizzare dal portiere della Roma al momento di metter dentro il più facile dei gol.

DIFESA ATTENTA: la Roma guadagna una insidiosa punizione dal limite a metà ripresa ma il tentativo di Pjanic sbatte sulla barriera nerazzurra posta davanti a Sportiello. Mister Reja opta per il primo cambio a cinque dalla mezz’ora inserendo Migliaccio al posto di Cigarini per rinforzar ulteriormente gli ormeggi in mezzo al campo.

TANQUE, UNDICI METRI DI FELICITA’: l’Atalanta pare comunque avere un piglio in più rispetto ai giallorossi e, a dieci dalla fine, piazza la rimpartenza vincente con Moralez che lancia Gomez in area che viene steso da Maicon con il direttore di gara che non ha dubbi tanto per l’indicazione del dischetto del rigore, quanto per l’espulsione dell’ex interista. Dal dischetto si presenta Denis che non fallisce il gol che porta i nerazzurri sul 2-0 e fa scoppiare la contestazione sugli spalti dell’Olimpico giallorosso.

DUE ESPULSIONI, POI LA FESTA!: atmosfera davvero spettrale in casa giallorossa mentre la festa a quel punto inizia per i pochi ma coraggiosi tifosi nerazzurri giunti fin nella capitale mentre in campo c’è ancora tempo addirittura per due cartellini rossi per l’Atalanta derivanti da doppie ammonizioni decisamente ingenue (che fanno letteralmente infuriare mister Reja) per Stendardo e Grassi: sciocchezze evitabilissime ma che non cambiano la sostanza di una grandissima partita disputata dai nerazzurri che centrano un successo che mancava da tredici anni all’Olimpico giallorosso e li porta a quota ventun punti in classifica riscattando come meglio non si poteva la pessima prestazione della scorsa domenica contro il Toro. Grazie ragazzi!!!

IL TABELLINO

ROMA-ATALANTA 0-2 (primo tempo 0-1)

RETI: Gomez al 40′ p.t.; Denis su rig. al 36′ s.t.

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Florenzi (dal 25′ s.t. Maicon), Manolas, Castan, Digne; Pjanic, De Rossi, Nainggolan; Iturbe (dal 38′ s.t. Torosidis), Dzeko, Iago (dal 17′ s.d. Sadiq) (Szczesny, Gyomber, Rudiger, Emerson, Vainqueur, Uçan, Keita, Di Livio, Tumminello). All. Garcia.

ATALANTA (4-3-3): Sportiello; Raimondi, Paletta, Stendardo, Brivio; Grassi, Cigarini (dal 27′ s.t. Migliaccio), Kurtic (dal 39′ s.t. De Roon); Moralez, Denis, Gomez (dal 44′ s.t. Cherubin) (Bassi, Radunovic, Masiello, D’Alessandro, Estigarribia, Conti, Monachello). All. Reja

ARBITRO: Calvarese di Teramo

NOTE: spettatori 29.222 – espulsi Maicon al 36′ s.t. per chiara occasione da gol, Stendardo al 42′ e Grassi al 48′ s.t. per doppia ammonizione – ammoniti: Cigarini e Torosidis per gioco scorretto, Sportiello per comportamento non regolamentare – calci d’angolo: 9-3 per la Roma – recuperi: 1′ p.t., 5′ s.t.

image_pdfimage_print