Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo il bel succeso di mercoledì, sconcertante prova della squadra seriana che affonda con una prestazione davvero incolore facendosi battere dal Livorno subendo quattro gol, complice anche una prova difensiva imbarazzante. Due gol subiti per tempo e l’undici di Fortunato cancella quanto di buono fatto contro il Padova ed incassa una sconfitta davvero brutta ed inspiegabile.

L’espressione di Daniele Fortunato è l’immagine del pomeriggio dell’AlbinoLeffe…

Bergamo: clamorosa sconfitta casalinga dell’AlbinoLeffe che ha incassato una quaterna secca dal Livorno: uno 0-4 senza nessuna attenuante, con i seriani che non sono mai stati in partita. Il confortante 1-0 interno al Padova nel turno infrasettimanale è stato spazzato via.

Mister Fortunato si attendeva una prestazione che potesse confermare i progressi in difesa notati mercoledì (per la prima volta porta inviolata) e invece è stato un disastro: nei primi 15′ due reti incassate più tre nitide palle-gol, tra cui un palo di Belingheri al 6′, concesse ai labronici.

Praticamente non c’è stata storia. Il tecnico seriano ha cambiato il modulo, optando per un attacco a due punte (Cisse e Torri) e concedendo un turno di riposo a Cocco, bomber del campionato. Il 4-4-2 è però subito naufragato perché nessuna delle due punte rientrava, il centrocampo è stato scadente in fase di filtro e la difesa, non coperta, ha mostrato le sue gravi lacune.

Il Livorno ha segnato l’1-0 al 13′ con Piccolo che ha concretizzato una bella manovra corale del Livorno con un sinistro che s’è infilato nell’angolino alla destra di Tomasig. Il 2-0 al 15′ è nato da un errore di Tomasig, c’è stato un equivoco con Bergamelli e Schiattarella, su azione di Belingheri, ha siglato una rete elementare.

Nella ripresa tris del Livorno al 2′ con Belingheri che ha sfruttato un duetto sulla destra tra Piccolo e Luci, ha ricevuto palla solo soletto a sinistra e ha fulminato Tomasig di destro. Il poker al 11′, sempre di Belingheri (l’ex Albinoleffe è stato il migliore in campo), abile a insaccare in tap-in la sfera che aveva centrato la traversa su colpo di testa di Paulinho.

Per l’AlbinoLeffe da segnalare una traversa colpita da Cisse con un’incornata sullo 0-4, ovvero quando non c’era più nulla da dire. Un brutto passo indietro per un AlbinoLeffe decisamente discontinuo.

IL TABELLINO:

ALBINOLEFFE-LIVORNO 0-4 (primo tempo 0-2)

RETI: 13′ pt Piccolo, 16′ pt Schiattarella, 2′ st e 11′ st Belingheri

ALBINOLEFFE (4-4-2): Tomasig; Daffara, D’Aiello, Bergamelli, Piccinni (18′ st Girasole); Foglio, Cristiano, Hetemaj (33′ st Previtali), Laner; Cisse, Torri (18′ st Germinale) – In panchina: Offredi, Malomo, Pacilli, Luoni – All.: Fortunato

LIVORNO (4-4-2): Mazzoni; Perticone, Bernardini, Miglionico, Lambrughi (7′ st Salviato); Genevier, Luci, Belingheri, Schiattarella (24′ st Barone); Piccolo (20′ st Bigazzi), Paulinho – In panchina: De Lucia, Dell’ Angelo, Rampi, Remedi – All.: Novellino

Arbitro: Mariani di Aprilia

Note: spettatori 1500 circa – ammoniti: D’Aiello, Cisse e Belingheri – angoli: 4-1 per il Livorno – recupero 1′ e 3′

image_pdfimage_print