Atalanta, un punticino sotto il diluvio per una Pasqua comunque con il sorriso

Tempo di lettura: 4 minuti

ATALANTA-SAMPDORIA 0-0: finisce a reti bianche il match del Comunale del sabato di Pasqua con i nerazzurri che disputano un buon primo tempo e sciupano diverse opportunità da rete nonostante la pioggia battente ed il terreno pesante; la ripresa si apre con i nerazzurri che rallentano il ritmo ed il match sonnecchia fino alla mezz’ora quando viene espulso per doppia ammonizione Lucchini e nel finale la Samp sfiora il gol in un paio di occasioni con Icardi, che procura due brividi nella schiena dei tifosi nerazzurri. Finisce 0-0, cambia poco in classifica per un’Atalanta che mantiene il Siena a otto lunghezze.

Bergamo: prima di uova e colomba, testa e gambe alla Samp per l’Atalanta che si appresta ad ospitare i blucerchiati nel turno numero trenta del campionato di A in un uggioso sabato di Pasqua in cui le due contendenti vanno a calcia di punti utili per tenersi a distanza dalla zona rossa del campionato e cercare di passare in serenità le immediate festività.

Livaja in castigo: il massimo torneo italiano torna dopo la pausa per le nazionali ed il match del Comunale riporta a Bergamo l’amato ex Delio Rossi, oggi alla guida di una Samp di cui ha raccolto cocci e difficoltà, riportandola in quota e verso acque più tranquille; sul fronte nerazzurro la vigilia è stata agitata più dai fatti extracalcistici che altro, con l’esclusione di Livaja dai convocati per motivi disciplinari, come confermato anche da mister Colantuono. Prima di tre partite sicuramente non facili per la truppa nerazzurra con un calendario che, nell’ordine, propone Samp, Inter e Fiorentina nelle prossime tre gare: un trittico decisamente tosto per Denis e compagni.

Buon ritmo: sotto una pioggia più autunnale che pasquale il match inizia ed i nerazzurri provano subito a spingere e, al quinto, la prima occasione è sui piedi di Bonaventura, che chiama Romeno alla respinta coi piedi. La risposta ospite arriva al nono con un tentativo di Icardi che viene respinto in corner da Lucchini. Ancora Bonanventura, una manciata di minuti dopo va a colpire di testa in area un bel traversone di Raimondi, la palla esce sul fondo di poco. Ritmo davvero gradevole in avvio, i nerazzurri tentano di fare la partita, la Samp contiene ma non riuncia a tentare sortite offensive.

Più Atalanta: mezza discussione fin troppo accesa al ventiseiesimo tra Berardi e Consigli, entrambi rimediano una ammonizione che costerà cara al portiere atalantino che, diffidato, salterà il match con l’Inter di domenica prossima. Bello schema al ventottesimo con la sfera che arriva in area sampdoriana, Romeno anticipa in uscita Bonaventura, Denis tenta una mezza rovesciata con la sfera che finisce alle stelle. Kristicic va alla conclusione dalla distanza alla mezz’ora, Consigli controlla in due tempi e blocca la sfera. La pioggia non da tregua, così come le due contedenti non paiono risentire delle condizioni atmosferiche e l’Atalanta che insiste nella sua spinta offensiva che la manda vicina al gol al quarantunesimo quando Bonaventura mette la palla in mezzo da buona posizione e Denis colpisce di testa a colpo quasi sicuro, ma Romero è sulla traiettora e respinge mentre la conclusione sulla ribattuta del portiere di Del Grosso è alta sopra la traversa. Riceve palla da ottima posizione Moralez al minuto quarantatre ma l’argentino scivola al momento della conclusione a rete. Si chiude poi di li a poco, senza recupero, e con le due squadre ancora sullo 0-0 un primo tempo molto combattuto, con i nerazzurri che hanno fatto sicuramente qualcosa in più degli avversari ma la partita che non si sblocca.

Campo pesante: il match riparte dopo l’intervallo senza sostituzioni nei ventidue in campo. Di ben altro tenore l’andamento della partita nelle prime fasi della ripresa, le due squadre rallentano visibilmente il ritmo, complice forse il campo che va sempre più appesantendosi. Gli ospiti guadagnano punizione al nono dal limite destro dell’area atalantina, ci prova Kristicic con la sfera che finisce sopra la traversa. Non ce la fa Moralez al tredicesimo, Colantuono va così a inserire l’ex Palermo Brienza al suo posto mantenendo invariato l’assetto tattico dei nerazzurri.

Poche emozioni: sono però gli ospiti a osare di più in questa ripresa, al diciassettesimo va alla conclusione con Eder, ma la palla finisce alta sopra la traversa. Si fanno vedere anche i nerazzurri al ventesimo andando a guadagnare un corner con Raimondi, sui cui sviluppi l’azione sfuma. Problemi anche per Del Grosso, che costringe Colantuono al secondo cambio al ventiduesimo, inserendo al suo posto Brivio. Bella combinazione tra Denis, che apre per Brienza in area e mette un pallone rasoterra per l’accorrente Cigarini che va al tiro e la palla esce di un soffio. Due minuti dopo tocca a Bonaventura provarci dalla distanza ma Romero blocca la sfera senza particolari problemi.

Rosso-Lucchini: i nerazzurri restano in dieci al minuto trentaquattro quando Lucchini ferma Eder che stava scappando verso la rete ed è costretto al fallo; per l’ex difensore della Samp arriva il secondo giallo e la conseguente doccia anticipata. Colantuono a quel punto inserisce Contini per Bonaventura, mentre in precedenza il tentativo di Eder su punizione non sortisce effetti.

Icardi, due brividi: i nerazzurri rischiano molto al minuto trentasette quando Icardi, che riceve un bel pallone da Obijang, colpisce a colpo sicuro e la palla che esce di un nulla sul fondo con Consigli immobile: uno spavento per i tifosi del Comunale. Al minuto quarantadue una conclusione sporca di Objang trova una casuale deviazione di Icardi che manda la sfera fuori di un nulla. Colantuono richiama i suoi a maggior attenzione, la sbavatura sul giovane argentino della Samp poteva costare carissimo.

Pari e contenti?: i quattro minuti di recupero concessi dall’arbitro non concedono fortunatamente ulteriori brividi ai tifosi nerazzurri zuppi di pioggia che possono portar così a casa un punticino che sta sicuramente stretto alla truppa di mister Colantuono per quanto fatto nel primo tempo, compensato poi da una ripresa così così con un paio di rischi piuttosto importanti nel finale che rende così tutto sommato meno amaro il pareggio finale che, di fatto, fa felice entrambe le contendenti.

Auguri a tutti i lettori: colgo l’occasione nel frattempo per porgere i miei più sentiti auguri di Buona Pasqua a tutti i lettori, per un uovo con tanto cioccolato, ma soprattutto felicità, salute e serenità a tutti in un periodo in cui, sicuramente, ne abbiamo tutti un po’ bisogno. Auguri di cuore a tutti.

image_pdfimage_print