1

Serie A, i risultati dopo la 9a giornata

I RISULTATI:

Venerdì 22 ottobre

Torino-Genoa 3-2: 14′ Sanabria, 31′ Pobega, 67′ Destro, 77’ Brekalo, 81’ Caicedo

Sampdoria-Spezia 2-1: 16′ aut. Gyasi, 36′ Candreva, 94′ Verde

Sabato 23 ottobre

Salernitana-Empoli 2-4: 2′, 44′ rig. Pinamonti, 11′ Cutrone, 13′ aut. Strandberg, 48′ Ranieri, 55′ aut. Ismajli

Sassuolo-Venezia 3-1: 32′ Okereke, 37′ Berardi, 50′ aut. Henry, 67′ Frattesi

Bologna-Milan 2-4: 16′ Leao, 35′ Calabria, 49′ aut. Ibrahimovic, 52′ Barrow, 86′ Bennacer, 90′ Ibrahimovic

Domenica 24 ottobre

Atalanta-Udinese 1-1: 58′ Malinovskyi, 93′ Beto

Fiorentina-Cagliari 3-0: 21′ Biraghi rig., 43′ Gonzalez, 49′ Vlahovic

Hellas Verona-Lazio 4-1: 30′,36′, 62′, 92′ Simeone, 46′ Immobile

Roma-Napoli 0-0

Inter-Juventus 1-1: 17′ Dzeko, 89′ rig. Dybala

LA CLASSIFICA:
# Squadra PG V P S GF GC DG Pts.
1 SSC Napoli 9 8 1 0 19 3 +16 25
2 AC Milan 9 8 1 0 22 9 +13 25
3 Inter 9 5 3 1 24 12 +12 18
4 Roma 9 5 1 3 16 9 +7 16
5 Atalanta 9 4 3 2 15 11 +4 15
6 Juventus 9 4 3 2 13 11 +2 15
7 Fiorentina 9 5 0 4 13 12 +1 15
8 Lazio 9 4 2 3 19 17 +2 14
9 Bologna 9 3 3 3 15 19 -4 12
10 Empoli 9 4 0 5 14 18 -4 12
11 Verona 9 3 2 4 21 18 +3 11
12 Torino 9 3 2 4 12 10 +2 11
13 Sassuolo 9 3 2 4 12 12 +0 11
14 Udinese 9 2 4 3 11 13 -2 10
15 Sampdoria 9 2 3 4 13 17 -4 9
16 Venezia 9 2 2 5 7 15 -8 8
17 Spezia 9 2 1 6 11 22 -11 7
18 Genoa 9 1 3 5 14 21 -7 6
19 Cagliari 9 1 3 5 11 20 -9 6
20 Salernitana 9 1 1 7 8 21 -13 4



Atalanta, grinta e cuore non evitano la solita beffa: l’Udinese agguanta la Dea in pieno recupero

SERIE A, NONA GIORNATA

ATALANTA-UDINESE 1-1: A MALINOVSKYI RISPONDE BETO

Non bastassero gli infortuni, ci si mette anche la sfortuna: che, quando vuole, ci vede benissimo. L’Atalanta dalle mille assenze assapora il sapore di una vittoria che invece sfuma in pieno recupero quando l’Udinese trova il pari in quello che è probabilmente il suo unico tiro in porta del match, complice anche una indecisione di Musso e del neo entrato Scalvini che agevola il gol di Beto che risponde così all’iniziale vantaggio di Malinovskyi. Un peccato, ma impossibile comunque chiedere di più ad una Atalanta in totale emergenza dietro e sulle fasce. L’obiettivo primario ora è svuotare l’infermeria al più presto.

Bergamo:

GASP PERDE ANCHE MAEHLE: Gasperini perde anche Maehele (influenza), non rischia Demiral (anche se convocato, infatti va in tribuna) ma non abbandona la difesa a tre, arretrando ancora De Roon, assieme a Lovato e Palomino, con Pezzella più alto sulla fascia sinistra. Davanti sta fuori Muriel, con Ilicic e Malinovskyi esterni offensivi ai fianchi di Zapata. Negli ospiti invece, Gotti rinuncia sia ad Arslan che Samardzic e con tre esterni di ruolo manda Udogie a sinistra e Molina più alto a destra, davanti a Stryger Larsen.

PRIMO TEMPO, SOLO UN PALO DI ILICIC: l’assetto tattico mette in difficoltà l’Atalanta, anche perché Gasperini non trova gli spunti che possano squarciare la ragnatela bianconera né da Ilicic, né tantomeno da Malinovskyi, è quasi più pericolosa l’Udinese in un paio di occasioni ispirata da Pussetto per Beto, che scappa a Lovato e mette in mezzo un pallone dove Molina arriva male. Solo a fine primo tempo l’Atalanta si scuote un po’, in coincidenza con il primo spunto di Zapata, che riesce a liberarsi della morsa di Nuytinck e mette dentro per Ilicic che anticipa Becao e colpisce il palo. Un minuto dopo ancora un pericolo per Silvestri, freddo nel faccia a faccia con Pasalic che non riesce ad angolare il tiro. Si va così al riposo sullo 0-0 dopo un minuto di recupero.

RIPRESA, LAMPO DI MALINOVSKYI E 1-0: l’Atalanta entra in campo dopo l’intervallo alzando un po’ il ritmo e una combinazione Malinovsky-Zapata-Ilicic, con tiro a giro dello sloveno fuori di poco, spaventa l’Udinese. Segnale che è il preludio all’azione che sblocca la partita il peggiore fin lì, Malinovskyi, indovina un sinistro da venti metri, che sorprende Silvestri coperto da Becao e fa 1-0.

GASP ESPULSO, BETO PAREGGIA NEL RECUPERO: l’Udinese però non si butta giù, l’Atalanta ha una sola vera chance per mettere al sicuro il risultato (Silvestri mura Malinovskyi). La partita sonnecchia fino praticamente al quarantacinquesima quando gli ospiti vanno vicini al pari al novantesimo quando una palla persa da Miranchuk causa una ripartenza dell’Udinese, che per poco non si conclude con un autogol di Lovato, salvato sulla linea da Musso con una parata prodigiosa. La beffa è però li, pochi secondi dopo: l’1-1 ospite arriva all’ultimo assalto, su calcio d’angolo battuto da Samardzic e sfruttato di testa da Beto, con la complicità dell’uscita difettosa di Musso, che è ostacolato da Koopmeiners. In precedenza, brusco battibecco tra il direttore di gara e il Gasp, che viene mandato anzitempo negli spogliatoi: era un altro segnale inequivocabile che la domenica nerazzurra non avrebbe avuto il lieto fine sperato.

IL TABELLINO:

ATALANTA-UDINESE 1-1 (primo tempo 0-0)

RETI: 11′ st Malinovskyi (A), 49′ st Beto (U)

ATALANTA (3-4-2-1): Musso; Zappacosta, Lovato, Palomino; Pezzella, De Roon, Freuler, Malinovskyi (41′ st Scalvini); Pašalić (29′ st Koopmeiners), Iličić (19′ st Miranchuk), Zapata (18′ st Muriel) – All.: Gasperini

UDINESE (3-4-3): Silvestri, Becao, Nuytinck (37′ st Forestieri), Samir, Molina (19′ st Success), Stryger Larsen, Walace, Makengo (19′ st Arslan), Udogie, Pussetto (31′ st Soppy), Beto – All.: Gotti

ARBITRO: Marinelli di Tivoli.

NOTE: spettatori 12mila circa – ammoniti: 17′ pt Samir (U), 13′ st Pussetto (U), 30′ st Lovato (A), 33′ st Pezzella (A) – espulsi: 46′ st Gasperini (A) – recuperi: 1′ p.t. e 5′ s.t.




Serie A, i risultati dopo l’8a giornata

I RISULATI:

Sabato 16 ottobre

Spezia-Salernitana 2-1: 39′ Simy, 51′ Strelec, 76′ Kovalenko

Lazio-Inter 3-1: 12′ rig. Perisic, 64′ rig. Immobile, 80′ Felipe Anderson, 92′ Milinkovic

Milan-Hellas Verona 3-2: 7′ Caprari, 22 rig. Barak, 59′ Giroud, 75′ rig. Kessié, 78′ aut. Gunter

Domenica 17 ottobre

Cagliari-Sampdoria 3-1: 4′, 94′ Joao Pedro, 74′ Caceres, 82′ Thorsby

Genoa-Sassuolo 2-2 : 17′, 20′ Scamacca, 27′ Destro, 90′ Vasquez

Empoli-Atalanta 1-4: 10′, 25′ Ilicic, 30′ Di Francesco, 49′ aut. Viti, 89′ Zapata

Udinese-Bologna 1-1: 67′ Barrow, 82′ Beto

Napoli-Torino 1-0: 81′ Osimhen

Juventus-Roma 1-0: 16′ Kean

Lunedì 18 ottobre

Venezia-Fiorentina 1-0: 36′ Aramu

LA CLASSIFICA:
# Squadra PG V P S GF GC DG Pts.
1 SSC Napoli 8 8 0 0 19 3 +16 24
2 Milan 8 7 1 0 18 7 +11 22
3 Inter 8 5 2 1 23 11 +12 17
4 Roma 8 5 0 3 16 9 +7 15
5 Lazio 8 4 2 2 18 13 +5 14
6 Atalanta 8 4 2 2 14 10 +4 14
7 Juventus 8 4 2 2 12 10 +2 14
8 Bologna 8 3 3 2 13 15 -2 12
9 Fiorentina 8 4 0 4 10 12 -2 12
10 Udinese 8 2 3 3 10 12 -2 9
11 Empoli 8 3 0 5 10 16 -6 9
12 Torino 8 2 2 4 9 8 +1 8
13 Verona 8 2 2 4 17 17 +0 8
14 Sassuolo 8 2 2 4 9 11 -2 8
15 Venezia 8 2 2 4 6 12 -6 8
16 Spezia 8 2 1 5 10 20 -10 7
17 Sampdoria 8 1 3 4 11 16 -5 6
18 Genoa 8 1 3 4 12 18 -6 6
19 Cagliari 8 1 3 4 11 17 -6 6
20 Salernitana 8 1 1 6 6 17 -11 4



Ilicic illumina, l’Atalanta si riaccende: la Dea stravince ad Empoli 4-1!

SERIE A, OTTAVA GIORNATA

EMPOLI-ATALANTA 1-4: DOPPIETTA (E RIGORE SBAGLIATO) PER MAGO-JOSIP

Poker con giochi di prestigio: l’Atalanta si rialza e vince ad Empoli riscattando così la sconfitta con il Milan di due settimane fa. Buona la prova dei ragazzi del Gasp al netto di qualche solita amnesia difensiva che poteva costar anche caro ad una Dea che ne fa quattro ad un Empoli comunque mai doma e che gioca un calcio piacevole dove alla fine la differenza la fa il tasso tecnico delle due squadre ed un Ilicic in stato di grazia: due gol ed un rigore sbagliato per lo sloveno che risponde al meglio alla fiducia del Gasp; di Di Francesco il gol dei toscani a fine primo tempo mentre nella ripresa un autogol di Viti e Zapata firmano il poker.

Empoli: l’Atalanta torna a vincere dopo due turni a secco, ritrova Ilicic, incamera punti per la risalita in campionato e autostima per la trasferta di Manchester in Champions League. L’Empoli cade per la quarta volta su cinque in casa, sbaglia tanto soprattutto in fase difensiva e così viene travolto nonostante alcune buone occasioni. Ilicic nella prima ora è il mattatore: segna una doppietta, le prime reti del suo campionato, poi prima della sostituzione calcia alto anche un rigore. Un autogol di Viti a inizio ripresa e un contropiede chiuso da Zapata a fil di sirena fissano il 4-1 che regala i tre punti alla Dea.

GASP CON GLI UOMINI CONTATI: le modifiche inziali di Gasperini sono in gran parte dovute agli infortuni: mancano Pessina, Gosens, Djimsiti, oltre a Hateboer. Il guaio muscolare di Toloi in corso di gara assottiglia ancora più la rosa in vista Manchester. Malinovskyi è al via fra le riserve, con Zapata fresco di rientro dal Sudamerica. Entrano dopo.

MAGO JOSIP DA SPETTACOLO: buona cornice di pubblico al Castellani dove il match inizia sul filo dell’equilibrio con le due squadre che si affrontano subito a viso aperto. Poi sale in cattedra Ilicic: lo sloveno prima dialoga con Pasalic che gli offre il facile pallone dell’1-0 dopo un errore difensivo di Viti poi, sul raddoppio, chiude un gioco a due con Muriel dopo un insistito palleggio nerazzurro. L’Atalanta non dilaga perché il portiere Vicario respinge sempre su Muriel, dall’altra parte invece gli azzurri avevano avuto la possibilità di andare avanti con Henderson al settimo, ma Demiral aveva respinto la conclusione dello scozzese sulla linea. Prima dell’intervallo devono uscire per infortunio Romagnoli (dentro Tonelli) e Toloi (al suo posto Freuler), con De Roon retrocesso in difesa.

RIPRESA, UN AUTOGOL PER IL TRIS: nella ripresa entra subito Zapata per l’altro colombiano, ma se l’Atalanta fa subito il tris è merito ancora di Pasalic che pesca benissimo Zapata in area che viene poi anticipato da Viti che infila così la propria porta. L’Empoli però non demorde e prima la Dea poco dopo la mezz’ora ringrazia Musso, poi nel finale un tiro di Cutrone viene salvato sulla linea da un bravissimo Demiral.

POKER DI ZAPATA NEL FINALE: ma la sua partita perfetta Pasalic la sigilla a due dal novantesimo perchè anche il 4-1 arriva da un assist del croato per Zapata (centesimo gol in A per lui, primo Colombiano a sfondare tale quota nella massima serie) che mette dentro. Vince la Dea, tre punti importanti che la fanno salire a quota quattordici in classifica, l’Inter al terzo posto è li a soli tre punti. Una bella iniezione di fiducia e autostima in vista di Manchester per i ragazzi del Gasp.

IL TABELLINO:

EMPOLI-ATALANTA 1-4 (primo tempo 1-2)

RETI: 11’ Ilicic (A.), 26’ Ilicic (A.), 30’ Di Francesco (E.), 4’ st Viti (E.) aut., 43’ st Zapata (A.)

EMPOLI (4-3-1-2): Vicario; Stojanovic, Romagnoli (42’ Tonelli), Viti, Marchizza (37’ st Parisi); Zurkowski (16’ st Bajrami), Stulac, Haas (1’ st Bandinelli); Di Francesco (16’ st Cutrone), Henderson; Pinamonti. Allenatore: Andreazzoli

ATALANTA (3-4-1-2): Musso; Toloi (39’ Freuler), Demiral, Palomino; Zappacosta (45’ st Pezzella), De Roon, Koopmeiners (23’ st Lovato), Maehle; Pasalic; Ilicic (23’ st Malinovski), Muriel (1’ st Zapata). Allenatore: Gasperini

ARBITRO: Serra

NOTE: giornata soleggiata – 8mila spettatori – ammoniti: Marchizza, Stulac, Bandinelli (E.), Freuler, Palomino (A) – espulsi: nessuno – recupero: 2′ p.t. e 3′ s.t.

Foto di copertina da Ansa.it




Le pagelle di Empoli-Atalanta

DEMIRAL UN MURO, ILICIC DIPINGE, PASALIC PREZIOSO

Risposta sul campo importante dei nerazzurri dopo la sconfitta contro il Milan prima della sosta. Contro un avversario non certo dei più facili e che ama giocare a viso aperto i ragazzi del Gasp dimostrano lucidità e attenzione, pur con qualche solita amnesia dietro dove però brilla Demiral (prova super la sua) mentre in mezzo alle magie di Ilicic ecco un Pasalic preziosissimo con i suoi assist in almeno tre dei quattro gol segnati.

LE PAGELLE

ALL.: GASPERINI 7.5: gestisce alla grande il momento difficile della squadra e le polemiche annesse che ne sono derivate. Risponde sul campo con una prova da Atalanta, con i soliti difettucci dietro da sistemare. Ma la squadra, nonostante sia falcidiata dalle assenze, c’è e lo si è ampiamente visto.

MUSSO 6.5: un paio di ottimi interventi in partita, ma anche una uscita nel finale un po’ così. Riscatta comunque la prestazione da brividi vista con il Milan.

TOLOI s.v.: che sfortuna! Recuperato (e rischiato) in extremis deve ancora fermarsi per i soliti guai fisici. In bocca al lupo al ragazzo! (FREULER 7: entra a freddo in una gara che probabilmente non doveva nemmeno giocare. E si fa rispettare alla grande).

DEMIRAL 8: salva due gol sulla linea che valgono oro! Prestazione importante per questo ragazzo che sta pian piano prendendo in mano la difesa costruendosi un ruolo da leader!

PALOMINO 6: un po’ pasticcione oggi, e non certo impeccabile nell’occasione che manda Di Francesco a segnare il gol del momentaneo 1-2. Si rifarà.

MAEHELE 6.5: bene, senza strafare ma fa le cose con ordine e in maniera precisa. Gli manca sempre quel qualcosina in più, che speriamo arrivi presto.

KOOPMEINERS 7: prestazione di spessore, ottime giocate e gran lavoro per i suoi. Fa vedere di che pasta è fatto (LOVATO s.v.: dentro nel finale).

DE ROON 6.5: il motore oggi li in mezzo gira molto bene, merito anche suo (insieme al compagno di squadra e nazionale…)

ZAPPACOSTA 7: ottima partita anche per lui, conquista il rigore che però Ilicic getta alle ortiche per poter chiudere la partita in anticipo.

PASALIC 7.5: entra in almeno tre dei quattro gol della Dea con assist che sono sintomo di grande altruismo verso la squadra e della voglia di riscatto anche per lui dopo diverse gare giocate fuori ruolo o passate in panchina. SuperMario is back!

ILICIC 8: il rigore fallito gli leva la ciliegina su una prestazione mostruosa che i tifosi attendevano da tanto tempo. Gioca, inventa gioco e segna: bellissimo il secondo gol. Bentornato professore! (MALINOVSKYI 6.5: entra negli ultimi venti minuti e sfiora anche il gol con un colpo di testa che Vicario manda in corner con una gran parata)

MURIEL 6.5: buona partita anche se gli manca ancora la lucidità al momento giusto: oggi un paio di occasioni le avrebbe potute sfruttare meglio. (ZAPATA 7: gioca un tempo, partecipa all’azione del terzo gol e segna il quarto che vale il suo centesimo sigillo in serie A).




Riecco il campionato: l’Atalanta (con l’infermeria piena) prova a ripartire da Empoli

EMPOLI, ORE 15

LA DEA PROVA A SCUOTERSI DOPO LO SCIVOLONE CON IL MILAN

Si ricomincia: archiviata la penultima sosta per le nazionali del 2021, l’Atalanta torna in campo (così come la Serie A) e lo fa questo pomeriggio in quel di Empoli alla vigilia di una settimana che vedrà i nerazzurri di scena mercoledì a Manchester contro i Red Devils per una sfida davvero affascinante in Champions League. Prima però c’è l’Empoli, squadra che gioca bene e che si è presa il lusso di vincere qualche settimana fa in casa della Juventus. Un avversario da non sottovalutare, viste anche le tantissime assenze in casa nerazzurra per via dei molti infortuni: occorre testa e concentrazione per ripartire al meglio dopo il passo falso interno di due settimane fa contro il Milan.

GLI ULTIMI DUBBI DEL GASP: con Toloi recuperato (ma non ancora al meglio), Djimsiti, Pessina e Gosens out (gli ultimi due per almeno due mesi), il tecnico Gasperini deve far di necessità virtù per la formazione: tra i pali Musso (rientrato solo nella tarda serata di venerdì dall’Argentina) è favorito su Sportiello mentre chance in difesa per Lovato mentre davanti Pasalic dovrebbe sostituire Pessina con Malinovskyi in supporto a Zapata.

LE PROBABILI FORMAZIONI:

EMPOLI (4-3-1-2): Vicario; Stojanovic, Romagnoli, Tonelli, Marchizza; Haas, Stulac, Henderson; Bajrami; Mancuso, Di Francesco – All.: Andreazzoli

ATALANTA (3-4-2-1): Musso (Sportiello); Lovato, Demiral, Palomino; Zappacosta, De Roon, Freuler, Maehle; Malinovskyi, Pasalic; Zapata – All.: Gasperini




Serie A, i risultati dopo la 7a giornata

I RISULTATI

Venerdì 1 ottobre

Cagliari-Venezia 1-1: 19′ Keita, 92′ Busio

Sabato 2 ottobre

Salernitana-Genoa 1-0: 66′ Djuric

Torino-Juventus 0-1: 86′ Locatelli

Sassuolo-Inter 1-2: 22′ rig. Berardi, 58′ Dzeko, 78′ rig. Lautaro

Domenica 3 ottobre

Bologna-Lazio 3-0: 14′ Barrow, 17′ Theate, 68′ Hickey

Hellas Verona-Spezia 4-0: 5′ Simeone, 15′ Faraoni, 42′ Caprari, 70′ Bessa

Sampdoria-Udinese 3-3: 15′ Pereyra, 24′ aut. Stryger Larsen, 44′ Beto, 48′ rig. Quagliarella, 69′ Candreva, 84′ Forestieri

Fiorentina-Napoli 1-2: 28′ Martinez Quarta, 39′ Lozano, 50′ Rrahmani

Roma-Empoli 2-0: 44′ Pellegrini, 48′ Mkhitaryan

Atalanta-Milan 2-3: 1′ Calabria, 42′ Tonali, 78′ Leao, 86′ rig. Zapata, 94′ Pasalic

LA CLASSIFICA:
# Squadra PG V P S GF GC DG Pts.
1 SSC Napoli 7 7 0 0 18 3 +15 21
2 AC Milan 7 6 1 0 15 5 +10 19
3 Inter 7 5 2 0 22 8 +14 17
4 Roma 7 5 0 2 16 8 +8 15
5 Fiorentina 7 4 0 3 10 11 -1 12
6 Lazio 7 3 2 2 15 12 +3 11
7 Juventus 7 3 2 2 11 10 +1 11
8 Atalanta 7 3 2 2 10 9 +1 11
9 Bologna 7 3 2 2 12 14 -2 11
10 Empoli 7 3 0 4 9 12 -3 9
11 Torino 7 2 2 3 9 7 +2 8
12 Verona 7 2 2 3 15 14 +1 8
13 Udinese 7 2 2 3 9 11 -2 8
14 Sassuolo 7 2 1 4 7 9 -2 7
15 Sampdoria 7 1 3 3 10 13 -3 6
16 Genoa 7 1 2 4 10 16 -6 5
17 Venezia 7 1 2 4 5 12 -7 5
18 Salernitana 7 1 1 5 5 15 -10 4
19 Spezia 7 1 1 5 8 19 -11 4
20 Cagliari 7 0 3 4 8 16 -8 3