1

Mercato Atalanta: Pinamonti molto vicino, Ederson una formalità. Piace Cambiaso, ma occhio alla Juventus

Sta prendendo forma il mercato dell’Atalanta, che a quanto pare sta cercando di rivoluzionare la squadra con colpi tutti all’italiana, senza però smettere di guardare all’estero.

Vediamo insieme le trattative di questa settimana appena trascorsa.

NE RIMANE SOLO UNO- Come già detto nel precedente recap, tra i pali Musso verrà riconfermato, mentre sicuramente uno tra Gollini e Carnesecchi cambierà aria (in realtà entrambi, ma stiamo cauti al momento).

Su Gollini torna forte la Fiorentina che però al momento non sembra voler offrire più di 10 milioni. L’Atalanta chiede almeno 12-13 milioni per chiudere, ma l’impressione è che alla fine si possa concludere con la formula intermedia dei bonus.

Stesso discorso per Carnesecchi: la Lazio rimane ferma a 10 per il portiere, contro i 15 chiesti dalla Dea. La trattativa potrebbe chiudersi a metà strada, data la volonta della Dea di incassare e della Lazio di acquisire il suo nuovo portiere titolare.

SULLA FASCIA SI CAMBIA(SO)- Ritorna a farsi forte l’interesse per Cambiaso. La Dea ofrre tra i 7-8 miloni ma ci sarà da battere la concorrenza della Juve, anch’essa sul giocatore.

CAMBI AL CENTRO- Dalla Salernitana dovrebbe arrivare il primo colpo dell’estate nerazzurra (usiamo sempre il condizionale, per sicurezza). Ederson verrà acquistato per 15 milioni più le contropartite di Lovato e Okoli, che però dovrebbe rimanere in prestito secco.

Il brasiliano prenderà il posto di Pessina, che al momento pare in uscita. Su di lui forti il Monza e il Torino: da una parte la voglia di riabbracciare un canterano, dall’altra la volontà di Juric di riabbracciare il suo pupillo ai tempi dell’Hellas. Si tratta ma al momento non risultano offerte concrete da entrambe.

QUESTIONE DI AMBIZIONI- Andrea Pinamonti è vicinissimo a vestire la maglia della Dea, c’è la volontà del giocatore, ma come sempre è il prezzo a frenare la trattativa, avanzata certo, ma non ancora con il pilota automatio.

L’Inter chiede 18 milioni, l’Atalanta al massimo 15, ma visti i buoni rapporti tra le due società, tra una contropartita, bonus o altri magheggi si dovrebbe arrivare un compromesso.

Per chi entra, c’è sempre uno che esce: Ilicic è stato richiesto espressamente dal Bologna del neo ds Sartori (ex Atalanta), e anche Mihajlovic pensa di poterlo rivitalizzare e farlo tornare El profesor di Valencia.