1

Fuochi d’artificio a Bergamo: pazza Atalanta, rimonta due gol ma si fa riprendere da Totti: 3-3!

SERIE A, TRENTATREESIMA GIORNATA

ATALANTA-ROMA 3-3: ALTALENA DI GOL, LA DEA SFIORA LA SUPER-RIMONTA

Spettacolare pareggio nell’anticipo della trentatreesima giornata con un incredibile 3-3 sotto la pioggia del Comunale tra Atalanta e Roma: giallorossi che scappano e si portano sul 2-0 nella prima mezz’ora ma, a quel punto, i nerazzurri danno vita ad una rimonta incredibile trovando il pari prima di fine primo tempo con D’Alessandro e Borriello, per poi firmar il sorpasso in avvio di ripresa proprio con la doppietta dell’ex Carpi. Un paio di ghiotte opportunità sciupate dalla squadra di Reja per arrotondare il risultato e, nel finale, la Roma trova il 3-3 con un gol di Totti a cinque dalla fine. Punto prezioso comunque per i nerazzurri che erano però arrivati a soli cinque minuti dalla grande impresa in una gara davvero incredibile e spettacolare!

Bergamo: più che di fuoco il mezzogiorno odierno riserva pioggia e tempo uggioso in un Comunale pronto ad ospitare la sfida tra Atalanta e Roma dove, vuoi per la salvezza o per il secondo posto vicino dopo la sconfitta del Napoli a San Siro con l’Inter, nerazzurri e giallorossi cercheranno il guizzo giusto per avvicinare i propri obiettivi stagionali. Gara impegnativa per i ragazzi di Reja contro una delle squadre che, dopo l’arrivo di Spalletti al posto di Garcia, ha corso più di tutti ritrovando smalto e qualità che ai giallorossi non sono certo mai mancati.

DEA DA INVENTARE: certo le assenze non aiutano il tecnico atalantino che deve rinunciare a De Roon e Cigarini squalificati, Diamanti ancora infortunato, provando così ad inventarsi una formazione dove trova posto tra i titolari anche l’ex Borriello oltre che Freuler e Migliaccio in mezzo con D’Alessandro che si piazza nel tridente con Gomez. Tra i giallorossi tocca a Dzeko e Salah davanti con l’ex Perotti ad ispirare.

GARA VIVACE: le due squadre iniziano sin da subito a darsi battaglia con i giallorossi che fanno paura quando avanzano ma i ragazzi di Reja non rinunciano a rispondere ed al quarto d’ora Gomez calcia dal limite dell’area in posizione centrale ma l’argentino alza troppo la mira.

LA ROMA SCAPPA IN 4′: l’equilibrio si spezza poco dopo il ventesimo quando gli ospiti trovano il guizzo vincente dopo una bella azione con cambio sulla sinistra tra Digne e Perotti, Digne scocca un diagonale rasoterra e batte Sportiello che aveva persino toccato il pallone prima che entrasse in rete. Non paghi del vantaggio, i giallorossi raddoppiano tre minuti dopo il vantaggio sfruttando abilmente un contropiede con Salah che da destra smarca Nainggolan che fa partire un destro inesorabile su cui però stavolta non appare impeccabile Sportiello e la Roma si ritrova così sul 2-0.

L’ATALANTA LA RIPRENDE IN 3′: il micidiale uno-due della squadra di Spalletti non abbatte la voglia di un’Atalanta che, abbassa la testa, e riprende a giocare andando a costruirsi una incredibile rimonta che la riporterà in partita nel giro di tre minuti tra il trentatreesimo ed il trentacinquesimo quando prima dimezza lo svantaggio con D’Alessandro, in agguato sulla destra su un traversone rasoterra da sinistra di Gomez solo sfiorato da Borriello, brucia Digne e infila Szczesny con un preciso esterno destro, e poi trova l’incredibile 2-2 con Borriello che infila di testa nuovamente il portiere giallorosso sugli sviluppi di un corner. In precedenza aveva rischiato grosso Zukanovic per un intervento quasi da ultimo uomo su D’Alessandro rimediando un cartellino giallo che poteva anche essere di un colore diverso. E va così in archivio, dopo un minuto di recupero, un pirotecnico primo tempo con quattro gol e tante emozioni con le due squadre sul 2-2.

RIBALTONE-BORRIELLO: la ripresa prende il via senza cambi ma con un’Atalanta subito volitiva e che va a trovar il gol che completa la rimonta al quarto al termine di una azione iniziata con il cross rasoterra da sinistra di Gomez, e Borriello che anticipa Zukanovic e devia in rete, palla che incoccia nel palo interno alla sinistra del portiere giallorosso e fa esplodere di gioia tutto il Comunale.

BORRIELLO-SHOW: stordita da una gara che aveva nelle sue mani e si ritrova ora a dover addirittura recuperare, la Roma prova a dare l’assalto alla porta nerazzurra ma sono i ragazzi di Reja che sciupano almeno altre due grosse occasioni per poter arrotondar ancora di più il risultato, sempre con Borriello in entrambe le circostanze: prima al diciassettesimo, quando Gomez da sinistra serva ancora un’invitante palla l’ex attaccante del Carpi con il tiro che lambisce la traversa e poi quattro minuti dopo con stavolta il portiere Szczesny bravissimo a deviar in corner la conclusione dell’attaccante con un bel colpo di reni.

TOTTI TROVA IL PARI: le tante occasioni sciupate costano però un prezzo piuttosto caro ai nerazzurri nel finale quando vengono ripresi a cinque dalla fine dal gol del neo entrato Totti dopo una azione tambureggiante dei giallorossi e con il numero dieci capitolino che trova dal limite il punto che rimette in equilibrio il match.

UN PUNTO STRETTO STRETTO: in un finale in cui poteva accadere di tutto non succede in realtà molto di cui scrivere, se non una discreta occasione ancora sciupata dai nerazzurri nel terzo dei cinque minuti di recupero concessi e poi i titoli di coda con il triplice fischio dell’arbitro (tutt’altro che casalingo oggi) che sancise il pirotecnico pareggio tra Atalanta e Roma. Un pari che, per come si era messa la gara dopo mezz’ora, pare incredibile ma, per chi ha visto tutta la partita è sicuramente la squadra di Reja ad aver di che rammaricarsi per una partita che poteva portare molto più di un punto in una classifica che resta più che positiva in una settimana che vedrà il turno infrasettimanale a Palermo e domenica la sfida al Chievo tra le mura del Comunale: la salvezza si avvicina, forza ragazzi conquistiamola il prima possibile!!!

IL TABELLINO

ATALANTA-ROMA 3-3 (primo tempo 2-2)

RETI: Digne (R) al 23′, Nainggolan (R) al 27′, D’Alessandro (A) al 33′, Borriello (A) al 37′ pt; Borriello (A) al 5′, Totti (R) al 40′ s.t.

ATALANTA (4-3-3): Sportiello; Masiello, Toloi, Paletta, Dramè; Kurtic, Migliaccio, Freuler; D’Alessandro (dal 30′ s.t. Raimondi), Borriello (dal 39′ s.t. Pinilla), Gomez (dal 46′ s.t. Brivio). (Radunovic, Stendardo, Gagliardini, Bellini, Gakpè, Conti, Cherubin, Monachello, Djimsiti). All. Reja

ROMA (4-3-1-2): Szczesny; Rudiger, Manolas, Zukanovic (dal 9′ s.t. El Shaarawy), Digne (Emerson al 33′ pt); Florenzi, De Rossi (dal 33′ s.t. Totti), Nainggolan; Perotti; Dzeko, Salah. (De Sanctis, Castan, Strootman, Maicon, Pjanic, Keita, Vainqueur, Torosidis, Sadiq). All. Spalletti

ARBITRO: Irrati di Pistoia

NOTE: gara di andata: Roma-Atalanta 0-2 – espulso Spalletti (R) al 43′ s.t. per proteste – ammoniti Zukanovic, Masiello, De Rossi, Raimondi, Dzeko, Kurtic, Manolas per gioco scorretto – spettatori 15mila circa – angoli 7-6 per l’Atalanta – recuperi: 1′ p.t., 5′ s.t.