AlbinoLeffe, è sempre Torri-gol: Portogruaro battuto

In fondo all’articolo guarda il Video della sintesi del match – Bella partita dei seriani che battono la matricola veneta grazie al quinto gol in stagione di Omar Torri e risalgono in classifica fin oltre la zona playout.

L'esultanza seriana dopo la rete dell'1-0

Bergamo:  l’Albinoleffe batte 1-0 il Portogruaro e lo supera in classifica portandosi a quota 12 punti. Bella prova dei biancocelesti di Mondonico e ancora una volta si è rivelato decisivo il centravanti Torri. La rete dell’AlbinoLeffe è scaturita al 35′ del primo tempo: Torri sfrutta bene un assist di Geroni e fulmina di sinistro il portiere degli ospiti Rossi al termine di una mischia in area. Un secondo tempo con qualche brivido ma senza particolari patemi permette ai ragazzi di Mondonico di uscire dalla zona playout scavalcando proprio lo stesso Portogruaro e guardando con maggior fiducia al futuro e dall’insidiosissima gara di sabato contro il Novara capolista; prima però spazio al match di Crotone valido per la Coppa Italia: in palio c’è un’affascinante sfida con la Lazio.

IL TABELLINO:

ALBINOLEFFE-PORTOGRUARO 1-0 (primo tempo 1-0)

RETE: 35′ pt Torri

ALBINOLEFFE (3-5-2): Tomasig; Luoni, Bergamelli, Sala; Zenoni, Geroni  (25’st Piccinni) Bombardini, Previtali, Regonesi; Momentè, Torri 7 (25’st Cisse). In panchina: Layeni, Salvi, Cia, Serafini, Girasole. Allenatore: Mondonico

PORTOGRUARO (4-4-2): Rossi; Lanzoni, Pisani, Maraschi, D’Elia (1’st Cunico); Schiavon (29’st Scozzarella st), Amodio, Tarana, Espinal; Gerardi (19’st Pià), Altinier. In panchina: Marcato, Puccio, Bianchi, Cardin. Allenatore: Viviani

ARBITRO: Cervelliera di Taranto

NOTE: pomeriggio nuvoloso; terreno in discrete condizioni. Ammoniti: Torri, Maraschi, Espinal. Angoli: 6-6; spettatori 1000 circa; Recupero: 1′; 4′.

LA VIDEOSINTESI (seriebwin.tv):

Get the Flash Player to see this player.

//




Piacenza-Atalanta: azioni salienti,

tabellino e pagelle

Anaclerio mette a segno di testa il gol del 2-2

IL TABELLINO:

PIACENZA-ATALANTA 3-2 (primo tempo 0-2)

RETI: 25′ pt Tiribocchi, 29′ pt Doni, 6′ st Marchi, 21′ st Anaclerio, 33′ st Guzman.

PIACENZA (4-3-3): Cassano; Mei (1’st Avogadri), Conteh, Zamnuto, Anaclerio; Marchi (32’st Bini), Catinali, Mandorilini (1’st Volpi); Guzman, Graffiedi, Cacia – All.: Madonna

ATALANTA (4-3-1-2): Consigli; Raimondi (37’st Bonaventura), Troest, Peluso, Bellini; Barreto, Carmona, Padoin; Doni (29’st Ardemagni); Ruopolo (20’st Pettinari), Tiribocchi – All.: Colantuono

NOTE: spettatori: 3mila circa – ammoniti: Raimondi, Marchi, Troest – espulsi: nessuno

LE PAGELLE:

ALL.: COLANTUONO 4.5: non si discutono certamente i cambi poco convincenti ma la sostanza di una squadra che appare dominatrice nel primo tempo e che, di fatto, scompare letteralmente nella ripresa subendo tre reti su altrettanti calci piazzati. Ora anche il suo futuro appare incerto. Che succederà?

CONSIGLI 5.5: è sospreso sulla punizione di Volpi che porta al gol del 2-1 di Marchi: quella rete cambia tutta la sostanza del match.

RAIMONDI 5: va letteralmente in barca quando il Piacenza si spinge in avanti. Non da sicurezza, lo diciamo ormai da molte giornate…

TROEST 5: salva nel primo tempo su Cacia, buca completamente la ripresa.

PELUSO 5: anche per lui parecchie difficoltà quando la squadra va in completa apnea.

BELLINI 5: troppi errori pure per lui. Fatale quella punizione regalata che porta al gol del 2-2 di Anaclerio.

BARRETO 5.5: lanci ne vediamo tanti, ma di precisione davvero pochina…

CARMONA 5: poco presente, nella ripresa si piglia anche lui una bella imbarcata.

PADOIN 6: uno dei pochi a salvarsi in questo giorno di naufragio totale in mezzo al campo e dietro.

DONI 7: baluardo di una squadra che non si lascia illuminare dal faro del suo capitano. Splendido il gol, così come la sua prestazione. Viene sostituito, ci chiediamo ancora il perchè…

RUOPOLO 6: regala l’assist a Tiribocchi per il gol del vantaggio. Nel complesso poi si nota pochino.

TIRIBOCCHI 6.5: sfiora il gol e ne mette a segno un’altro. Difficile chiedere di più. Giù il cappello.

SOSTITUZIONI:

PETTINARI 5.5: il suo ingresso non cambia l’andazzo purtroppo.

ARDEMAGNI 5: combina ben poco.

BONAVENTURA s.v.: nel finale sfiora anche il gol. Comunque ingiudicabile.




Atalanta, oggi a Piacenza

un insidioso testacoda

Nerazzurri in campo oggi al Garilli per cercare continuità di risultati dopo la vittoria con l’Ascoli di sabato scorso e per non perdere il passo del Novara, vincente nell’anticipo con il Vicenza: si gioca alle 15 con diretta tv a pagamento su Sky e cronaca live dal sito Atalantini.com con possibilità di interventi live per gli iscritti al sito partner




Serie B decima giornata:

gol, risultati e classifica

Dopo quasi un quarto di campionato, alla decima giornata, ecco i risultati e la classifica del torneo cadetto 2010/2011:

I RISULTATI:

ATALANTA-ASCOLI 2-1
19′ Doni (AT), 27′ Doni (AT), 64′ Ciofani (AS)

CROTONE-PIACENZA 0-1
3′ Piccolo


FROSINONE-MODENA 1-1
1′ Cariello (F), 25′ Bellucci (M)

LIVORNO-TORINO 2-1
19′ Tavano (L), 55′ Luci (L), 66′ Bianchi (T)

PESCARA-GROSSETO 4-2
8′ Freddi (G), 34′ Ganci (P), 45′ Ganci (P), 49′ Sansovini (P), 73′ Sansovini (P), 92′ Allegretti (G)

PORTOGRUARO-VARESE 1-1
72′ Ebagua (V), 78′ Altinier (P)

SASSUOLO-NOVARA 0-1
18′ Motta

TRIESTINA-REGGINA 0-4
36′ Bonazzoli, 67′ Bonazzoli, 74′ Missiroli, 76′ Viola

VICENZA 1-0 ALBINOLEFFE
12′ Abbruscato

PADOVA-CITTADELLA 2-1 (18/10 h. 19)
25′ Piovaccari, 46′ Succi, 88′ Bovo

EMPOLI-SIENA 3-0 (18/10 h.21)
5′ Coralli, 44′ Fabbrini, 39′ Coralli su rigore

LA CLASSIFICA:

Serie B Gio Vin Nul Per GF GS Diff P.ti
1 Novara 10 7 1 2 20 8
+12
22
2 Siena 10 6 3 1 13 8
+5
21
3 Reggina 10 6 2 2 18 10
+8
20
4 Empoli 10 4 6 0 12 6
+6
18
5 Atalanta 10 5 3 2 11 6
+5
18
6 Padova 10 4 4 2 16 8
+8
16
7 Livorno 10 4 4 2 16 12
+4
16
8 Vicenza 10 5 1 4 13 11
+2
16
9 Pescara 10 4 3 3 11 9
+2
15
10 Crotone 10 3 5 2 11 10
+1
14
11 Torino 10 4 1 5 12 14
-2
13
12 Triestina 10 2 6 2 10 12
-2
12
13 Varese 10 2 5 3 9 10
-1
11
14 Grosseto 10 3 2 5 11 14
-3
11
15 Modena 10 2 5 3 9 15
-6
11
16 Portogruaro 10 3 2 5 10 17
-7
11
17 Ascoli 10 2 4 4 12 15
-3
10
18 Frosinone 10 2 4 4 9 12
-3
10
19 Albinoleffe 10 2 3 5 10 16
-6
9
20 Sassuolo 10 2 2 6 9 12
-3
8
21 Piacenza 10 1 4 5 9 15
-6
7
22 Cittadella 10 1 2 7 8 19
-11
5



Capitan Doni ridà ossigeno all’Atalanta

Leggi anche l’articolo pubblicato dalla redazione del portale Atalantini.com, sito partner, ed interagisci con commenti ed opinioni degli altri tifosi direttamente dal sito – In fondo all’articolo la videosintesi del match

Esultanza e gioia di Cristiano Doni: oggi doppietta per il capitano nerazzurro

I nerazzurri superano a fatica l’Ascoli ma tornano alla vittoria dopo la sconfitta di mercoledì sera a Novara: grande doppietta per Cristiano Doni, il capitano ritorna al gol tra le mura amiche e trascina i suoi alla vittoria. Nella ripresa la rete di Ciofani per gli ospiti mette qualche brivido ai nerazzurri nel finale. Il successo consente all’Atalanta di restare al quarto posto in classifica

Bergamo: rialzare la testa, subito. Questo è l’imperativo di un’Atalanta che si lecca ancora le ferite della scoppola di Novara dove un buon primo tempo non è bastato a portar a casa un risultato positivo contro i lanciatissimi piemontesi di Tesser. L’Ascoli incerottato dell’ex AlbinoLeffe Elio Gustinetti è l’occasione giusta per cancellare i musi lunghi e tentare di ripartire sin da subito di fronte al proprio pubblico che, come sempre, ha gremito gli spalti del Comunale per applaudire i propri beniamini.

Riecco Ruopolo: dopo un paio di partite decisamente in calo rispetto a quella col Sassuolo che l’aveva sbloccato, tocca ad Ardemagni accomodarsi in panchina e lasciare il posto a Ruopolo al fianco di Tiribocchi nell’attacco nerazzurro dove Cristiano Doni torna a fare da inventore per il duo la davanti mentre i bianconeri si affidano all’inventiva di Lupoli e l’estro di Djuric per provare a far male all’incerottata difesa nerazzurra che però può contare sul rientro di Talamonti in panchina. Clima fresco e più che autunnale per un match delicato per ambo le squadre.

Doni di gran classe: il match ha un avvio medio-lento con i nerazzurri che, a differenza delle precedenti uscite tra le mura amiche, sembrano subire un po’ il brio iniziale degli ospiti che però non produce pericoli per Consigli: solo Ruopolo inizialmente riesce a mettersi in mostra con una azione personale che non produce scossoni, mentre un vero colpo alla partita lo infligge capitand Doni che al minuto diciannove torna al gol di fronte al pubblico del Comunale dopo una bella conclusione su un cross in area con  la palla che termina in alto a sinistra sotto la traversa. Galvanizzata dal vantaggio acquisito l’Atalanta prosegue nella sua ricerca del gol del raddoppio sfruttando anche l’incapacità di reagire dell’Ascoli che fatica a trovare spazi. Arriva così al ventisettesimo la rete del raddoppio atalantino: gran galoppata di Bellini che dal fondo mette in mezzo, con la palla che non viene trattenuta dal portiere ospite Guarna e finisce tra i piedi di Tiribocchi che appoggia per l’accorrente Doni che, a porta sguarnita, fa 2-0 e festeggia con i compagni. Raggiunto il raddoppio, un piccolo relax dimostra ai ragazzi di Colantuono come i pericoli siano sempre dietro l’angolo: arrivano i primi brividi veri per Consigli con Djuric che riesce a superare Troest e battere a rete; solamente il palo ferma l’Ascoli in questa circostanza. Lo stesso Djuric, a dieci dalla fine del primo tempo, riesce a colpire di testa e mandare la palla fuori di poco. E’ l’ultimo brivido di un primo tempo che si chiude con l’ennesima incursione di Doni, che sfiora il tris dalla distanza.

Il solito brivido: fulminea la partenza nella ripresa con Barreto che offre subito a Tiribocchi un pallone delizioso che porta l’attaccante a tu per tu con il portiere ma il bomber spreca tutto calciando due volte addosso a Guarna. L’Atalanta di fatto aspetta gli avversari per poi cercare di colpire nuovamente in contropiede ed al dodicesimo ha un’altra ghiotta occasione per arrotondare il punteggio con un bel colpo di testa di Barreto che si spegne sul fondo.

Il gol del raddoppio atalantino di Doni

Gli ospiti rispondono con una conslusione di Mendicino che finisce alta e, improvvisamente, riescno a far male: minuto diciotto, da corner per gli ospiti nasce la conclusione di testa di Ciofani che batte Consigli e riapre improssivamente un match sin li a senso unico. Sull’onda dell’entusiasmo ritrovato i marchigiani provano ad insistere nelle loro azioni offensive  con Doni e compagni che appaiono scossi dal gol subito che, di fatto, ha rovinato i piani nerazzurri di una ripresa tranquilla; ed è brivido anche alla mezz’ora quando il giovane Margarita salta Troest in velocità e conclude con un diagonale che esce di poco lontano dal palo. Break nerazzurro di Doni a dieci dal termine con una bella punizione guadagnata dal capitano nerazzurro la cui esecuzione si risolve però con un nulla di fatto. Al minuto quarantuno bella fuga di Padoin in fascia con cross in area per la testa di Carmona che manda a lato di testa. Nei quattro minuti di extra-time concessi dall’arbitro succede ben poco, le due squadre in campo sembrano non averne e si attende solamente il fischio finale dell’arbitro Baracani che regala il ritorno alla vittoria di un’Atalanta che è riuscita a complicarsi la vita subendo un gol evitabile ma che porta a casa tre punti importanti per restare in scia e ridare morale ad un gruppo che, mai come oggi, aveva bisogno di una vittoria che scacciasse la paura e chissà che vincendo anche senza incantare, quando anche il gioco migliorerà, in tempi migliori ci si possa davvero divertire.

LA VIDEOSINTESI (seriebwin.tv)

 

Get the Flash Player to see this player.

//




Atalanta-Ascoli: azioni salienti,

tabellino e pagelle

L'esultanza nerazzurra dopo il gol

IL TABELLINO:

ATALANTA-ASCOLI 2-1 (primo tempo 2-0)

RETI: 18’pt Doni, 26’pt Doni, 18’st Ciofani

ATALANTA (4-3-1-2): Consigli; Raimondi, Capelli, Troest, Bellini; Barreto (22’st Basha), Carmona, Padoin; Doni; Ruopolo (20’st Ardemagni), Tiribocchi (40’st Pettinari). All. Colantuono

ASCOLI (4-2-3-1) : Guarna; Ciofani, Faisca, Micolucci (17’st Marino), Giallombardo; Di Donato, Uliano; Esposito, Capece (20’st Margarita), Mendicino; Djuric (31’st Masini). All. Gustinetti

NOTE: ammonito Tiribocchi, Raimondi, Giallombardo.

LA CRONACA (fonte: atalantini.com):

PRIMO TEMPO

Primi 5 minuti di studio, poi proprio al 5′ minuto c’è uno scambio al limite dell’area ascolana tra Doni e Ruopolo che svanisce per mancato controllo dell’attaccante neroazzurro.

8′ minuto lancio al centro dell’area di Barreto per Ruopolo che non aggancia e Guarna anticipa tutti.

Al 9′ su corss dalla destra dello’Ascoli Raimondi mette in angolo goffamente.

13′ combinazione Barreto-Ruopolo con tiro fuori porta dell’attaccante neroazzurro.

15′ Doni sul limite destro dell’area riesce a crossare al centro, ma il difensore ascolano anticipa il Tir.

17 lancio dalla trequarti di Raimondi e colpo di testa a giro che va fuori di poco.

18′ su cross dalla sinistra di Bellini, dopo una spizzicata di Padoin, raccoglie Doni al centro dell’area che colpisce a rete sulla sinistra di Guarna.

22′ su azione combinata dell’attacco atalantino Barreto non riesce a colpire in area da buona posizione.

26′ ancora Bellini sulla sinistra che entra in area serve per Tiribocchi, che sull’uscita del portiere riesce comunque a far passare la palla e servirla a Doni che da due passi mette in rete.

28′ pericolo per l’Atalanta su azione personale da parte di Djuric che si libera di Capelli e tira sul palo esterno della porta difesa da Consigli.

30′ altra azione dell’Ascoli che triangola sul limite dell’area e tira con Mendicino, ma Consigli para sicuro a terra.

32′ su calcio d’angolo, ancora pericolo per la DEA, Djuric incorna da davanti alla porta atalantina, ma sbaglia la mira e colpisce il terreno.

34′ fallo inutile di Tiribocchi, da dietro su un giocatore ascolano e che costa il cartellino giallo alla punta neroazzurra.

37′ ancora Doni che dal limite dell’area riceve palla da Carmona e lascia partire un fendente che va di poco a lato della porta dell’Ascoli.

45′ lancio di Di Donato in area atalantina e per fortuna nessun attaccante ascolano raccolglie.

SECONDO TEMPO

46′ Tiribocchi su lancio di Barreto, Tiribocchi si mangia il goal per due volte davanti al portiere.

51′ Doni cerca il lancio a pallonetto in area ma la difesa intercetta.

54′ azione sulla sinistra, con cross al centro di Tiribocchi, sula quale scontrano Bellini contro Camrona nel tentativo di insaccare a rete.

57′ combinazione ascolana Capece – Di Donato con tiro alto sulla traversa

sull’azione di rimessa lancio del Tir dalla sinistra e Barreto in corsa colpisce di testa fuori.

64′ corner dalla sinistra di Consigli e Ciofani da solo in area mette dentro alla destra di Consigli. 2-1

72′ Basha ruba palla a centrocampo e serve in area per il Tir che non aggancia.

74′ Margarita sulla fascia sinistra dell’Atalanta si invola in area neroazzurra e colpisce di poco a lato.

87′ azione insistita della Dea che manca la rete con Carmona di testa.

LE PAGELLE:

ALL.: COLANTUONO 6: la sua Atalanta non incanta, ma deve ringraziare un Doni monumentale che gli evita un sabato sera decisamente poco sereno. Bene i tre punti, meno il gioco.

CONSIGLI 6: praticamente fa da spettatore sino al gol dell’Ascoli sulla quale può davvero poco.

RAIMONDI 5: ancora poco in palla dopo la brutta partita di Novara. Inoltre sui cross lascia molto a desiderare.

CAPELLI 6: non è chiamato a fare gli straordinari, ma nel complesso gioca la sua onesta partita.

TROEST 5.5: si lascia sorprendere sul giovane Margarita e, per poco, non combina un pasticcio.

BELLINI 6.5: ottima gara, senza dimenticare che dal suo piede parte l’assist che provoca il 2-0 di Doni.

BARRETO 6.5: qualche bella giocata la piazza, ma deve dare più continuità alla sua prestazione.

CARMONA 6: buon primo tempo, si vede davvero poco nella ripresa. Benino.

PADOIN 6: tanto lavoro oscuro per lui, ma come sempre ci mette l’anima.

DONI 8: giù il cappello. Gli mancava il gol da tempo ed oggi non solo ha dimostrato di saperci ancora fare con il pallone, ma si è letteralmente caricato la squadra sulle spalle trascinandola alla vittoria. Gigantesco!

RUOPOLO 5: gioca forse una delle sue peggiori gare in nerazzurro, si nota poco ed appare a tratti stanco.

TIRIBOCCHI 5.5: quel gol che si divora in avvio di ripresa poteva costare molto caro. Per fortuna non è stato così!

SOSTITUZIONI:

ARDEMAGNI 6: ci mette impegno, ma non ha occasioni per mettersi in mostra.

BASHA 6: cambia di poco le cose la in mezzo.

PETTINARI s.v.: entra nel finale. Ingiudicabile.




All’AlbinoLeffe saltano i nervi,

al Vicenza vanno i tre punti

Sfortunata partita al Menti per gli uomini di Mondonico che incassano il gol di Abbruscato in avvio e poi non sono capaci di recuperare lo svantaggio nonostante le buone occasioni avute – Espulsi Hetemay ed anche mister Mondonico per le eccessive proteste con l’arbitro – In fondo all’articolo la videosintesi del match 

Disperazione per Omar Torri: l’AlbinoLeffe cade a Vicenza

Vicenza: reattivo e dinamico, ma troppo nervoso. L’AlbinoLeffe perde a Vicenza con un gol di Abbruscato e tanta sfortuna che causa tanta agitazione che tradisce lo stesso mister Mondonico allontanato dalla panchina per proteste. E pensare che squadra vista in campo è apparsa compatta e ben organizzata, frenata dal mancato guizzo negli ultimi 20 metri e dalla penombra di Bombardini, al rientro dall’infortunio ma lontano dai consueti standard.

La classifica resta amara, ma così si può correre a patto di battere il Portogruaro sabato. La partita inizia con Previtali ko per un’infiammazione al piede destro. Mondonico lo rimpiazza con Geroni e Girasole nel 3-5-2. Davanti c’è Bombardini alle spalle di Torri, ma dopo meno di due minuti Mondo deve rinunciare a Garlini, rimasto a terra con la caviglia destra dolorante dopo uno scontro con Alemao. Garlini finisce all’ospedale, dentro Piccinni. Il match è un susseguirsi di falli e continue tensioni con Mondonico in continua protesta. Il gol del Vicenza al 12′ non aiuta i nervi.

Il pareggio sembra lì ma c’è troppa tensione e all’ennesima contestazione di Mondonico, l’arbitro Ostinelli lo caccia. Il guaio è che subito dopo lo segue Hetemaj (29′), già ammonito e punito da un giallo eccessivo. Mehmet se ne va facendo gestacci al pubblico, l’AlbinoLeffe fuma rabbia ed esce sconfitta.

IL TABELLINO:

VICENZA-ALBINOLEFFE 1-0 (primo tempo 1-0) 

RETE: 12′ pt Abbruscato

VICENZA (4-4-2): Frison; Minieri, Martinelli, Schiavi, Giani; Di Matteo (24′ st Gavazzi), Soligo, Botta, Oliveira; Abbruscato (42′ st Rossi), Alemao (1′ st Baclet). In panchina: Russo, Tonucci, Minesso, Tulli. All. Maran

ALBINOLEFFE (3-5-2): Tomasig; Garlini (3′ pt Piccinni), Sala, Luoni; Zenoni (43′ st Taugourdeau), Girasole, Hetemaj, Geroni (1′ st Momentè), Regonesi; Bombardini, Torri. In panchina: Layeni, Serafini, Cia, Cisse. All. Mondonico

ARBITRO: Ostinelli di Como (Segna, Vivenzi; Bellutti)

NOTE: espulso Hetemaj al 29′ st per doppia ammonizione. Spettatori 5044 (paganti 856, abbonati 4188) per una quota di 35990 euro (7710 euro ai botteghini, 28280 la quota partita). Ammoniti Geroni, Piccinni, Schiavi, Bombardini, Momentè, Martinelli. Angoli 8-5 per il Vicenza – Recupero 3’+ 4′. Allontanato Mondonico al 28′ st per proteste

LA VIDEOSINTESI (seriebwin.tv)

Get the Flash Player to see this player.

//