1

BUON NATALE da Mondoatalanta.it

A TUTTI I TIFOSI NERAZZURRI

I MIGLIORI AUGURI

DI

BUON NATALE!!!!




Serie A, i risultati dopo la 17a giornata

NATALE A BRACCETTO PER INTER E JUVENTUS

Nell’ultimo turno di campionato di questo 2019, poco cambia in vetta alla classifica dove alla vittoria di venerdì della Juve sulla Samp risponde l’Inter con un poker ad un Genoa sempre più ultimo. Bella vittoria anche della Roma a Firenze mentre la Spal sorprende il Toro in casa. In coda, vittorie pesanti per Udinese (contro il Cagliari) e Bologna (a Lecce). Ma rivediamo quindi tutti i risultati di questa giornata, i marcatori e l’ultima classifica di questo anno solare:

I RISULTATI

Sampdoria-Juventus 1-2: 19′ Dybala (J), 35′ Caprari (S), 45′ Cristiano Ronaldo – giocata mercoledì 18 ore 18:55 

Fiorentina-Roma 1-4: 19′ Dzeko (R), 21′ Kolarov (R), 34′ Badelj (F), 73′ Pellegrini (R), 88′ Zaniolo (R) – giocata venerdì 20 ore 20:45 

Udinese-Cagliari 2-1: 39′ De Paul (U), 84′ Joao Pedro (C), 86′ Fofana (U) – giocata sabato 21 ore 15:00 

Inter-Genoa 4-0: 31′, 71′ Lukaku, 33′ Gagliardini, 64′ rig. Esposito (I) 

Torino-Spal 1-2: 4′ Rincon (T), 42′ Strefezza (S), 81′ Petagna (S) 

Atalanta-Milan 5-0: 10′ Gomez, 61′ Pasalic, 63′, 72′ Ilicic, 84′ Muriel – ore 12:30 

Lecce-Bologna 2-3: 43′, 66′ Orsolini (B), 56′ Soriano (B), 86′ Babacar (L), 91′ Farias (L) 

Parma-Brescia 1-1: 72′ Balotelli (B), 92′ Grassi (P) 

Sassuolo-Napoli 1-2: 29′ Traorè (S), 57′ Allan (N), 94′ Obiang (N) – ore 20:45 

Lazio-Hellas Verona – mercoledì 8 gennaio 2020 ore 20:45 

LA CLASSIFICA
Squadra PG V P S GF GC DG Pts.
1 Inter 17 13 3 1 36 14 +22 42
2 Juventus 17 13 3 1 31 17 +14 42
3 Lazio 16 11 3 2 38 16 +22 36
4 Roma 17 10 5 2 33 17 +16 35
5 Atalanta 17 9 4 4 43 25 +18 31
6 Cagliari 17 8 5 4 33 23 +10 29
7 Parma 17 7 4 6 24 20 +4 25
8 Napoli 17 6 6 5 27 22 +5 24
9 Bologna 17 6 4 7 27 29 -2 22
10 Torino 17 6 3 8 22 26 -4 21
11 Milan 17 6 3 8 16 24 -8 21
12 Hellas Verona 16 5 4 7 17 20 -3 19
13 Sassuolo 17 5 4 8 29 29 +0 19
14 Udinese 17 5 3 9 13 28 -15 18
15 Fiorentina 17 4 5 8 21 28 -7 17
16 Lecce 17 3 6 8 22 35 -13 15
17 Sampdoria 17 4 3 10 14 27 -13 15
18 Brescia 17 4 2 11 15 29 -14 14
19 SPAL 17 3 3 11 12 26 -14 12
20 Genoa 17 2 5 10 17 35 -18 11



Le pagelle di Atalanta-Milan

PAPU ED ILICIC: POESIA DI NATALE

I giudizi di oggi sono anche il sunto di questo straordinario 2019 di questi ragazzi che chiudono in bellezza questo splendido anno. Molto bene la difesa, ottimi anche De Roon e Malinovskyi ma la vera gioia per gli occhi dei tifosi sono quei due: Ilicic e il Papu, insieme fanno paura!

LE PAGELLE

ALL.: GASPERINI 9: e via, l’ennesimo capolavoro, la ciliegina sulla torta di un 2019 straordinario. Motiva a mille i suoi e la squadra risponde con una prestazione mostruosa. Più Buon Natale di così…

GOLLINI 7: attento se sicuro nelle rarissime incursioni rossonere.

TOLOI 8: anche oggi vero ministro della difesa. Solidità e forza.

PALOMINO 8: partita perfetta, gli avanti rossoneri non la vedono mai.

DJIMSITI 8: bravo la dietro, ci prova anche un paio di volte provando a concludere a rete.

CASTAGNE 8: imprendibile a tratti, nasce da un suo spunto la conclusione che poi Pasalic tocca in maniera vincente in porta per il raddoppio. E da li la strada si fa in discesa.

DE ROON 8: perfetta cabina di regia, taglia a fette la difesa rossonera con alcuni passaggi deliziosi.

PASALIC 8.5: ancora lui, ancora in gol, senza esultare contro la squadra che lo ha portato in Italia e forse non ha avuto il coraggio di credere in lui. Oggi il meritato riscatto per lui.

GOSENS 8: subito a mille sulla fascia, non smette mai di correre fino a fine partita. Bravo. (HATEBOER s.v.: si gode la festa nel finale).

GOMEZ 9: si veste subito da Babbo Natale e confeziona un regalo bellissimo ai 21mila giunti allo stadio con quel gol da incorniciare: tunnel al difensore (l’ex Conti), ingresso in area e… bum! Sotto l’incrocio. Magia! (FREULER s.v.: dentro nel finale).

MALINOVSKYI 8: bella prova per lui, prosegue il suo percorso di crescita anche se oggi non va a segno ma aiuta molto in fase di costruzione.

ILICIC 9: primo tempo con qualche sprazzo e un po’ intermittente, poi si scatena nella ripresa con una doppietta nel giro di pochi minuti che certifica come la sua presenza sia fondamentale spesso per questa squadra. (MURIEL 8: entra, e si iscrive anche lui all’elenco dei bomber di giornata siglando il punto del definitivo 5-0).




Atalanta, è un Natale straordinario: manita al Milan, Dea stratosferica!

SERIE A, DICIASSETTESIMA GIORNATA

ATALANTA-MILAN 5-0: APRE IL PAPU, CHIUDE MURIEL

Che Natale, che Natale! L’Atalanta affonda il Milan rifilandogli cinque gol, scavalca il Cagliari il classifica e passerà così le feste al quinto posto a quota trentun punti in classifica spedendo a -10 i rossoneri, mai in partita in quel di Bergamo. La Dea parte fortissimo e segna subito con un bellissimo gol del Papu, poi contiene le sterili offensive ospiti e trova Donnarumma a negare il raddoppio a Ilicic che però si rifarà nella ripresa quando Pasalic fa il bis dopo un quarto d’ora e lo sloveno si scatena con una doppietta che in meno di venticinque minuti porta la Dea sul 4-0; nel finale il sigillo del neo entrato Muriel per una storica cinquina ai rossoneri ed un Natale straordinario dei tifosi nerazzurri.

Bergamo: è davvero qui la festa. L’Atalanta scarta in un sol colpo regali di Natale e botti di capodanno e ne fa le spese il malcapitato Milan che ne prende cinque da una Dea in stato di grazia che stacca così di dieci punti i rossoneri e sale al quinto posto in classifica in una gara senza storia dove Papu e compagni affossano i ragazzi di Pioli segnando subito proprio con Gomez, contenendo i rari assalti ospiti e poi straripando nella ripresa con i gol di Pasalic, le due perle di Ilicic e Muriel per un Natale in oribita per la Dea ed i suoi tifosi.

MURIEL NO, MALINOVSKYI SI: ritrovati sia Ilicic che il Papu, il Gasp li schiera entrambi in campo con Malinovskyi invece di Muriel che parte dalla panchina e con Pasalic in mezzo con De Roon mentre dietro ci sono Toloi e Palomino con Djimsiti. Negli ospiti, Pioli rinuncia a Piatek proponendo però un folto numero di ex nerazzurri in campo: Conti, Kessie e Bonaventura con davanti Suso e Calhanoglu.

JINGLE BELLS-PAPU, 1-0!: dopo la tanta pioggia dei giorni scorsi, un bel sole accoglie le squadre al loro ingresso in campo nella splendida cornice di pubblico del Gewiss Stadium. L’Atalanta gioca oggi (come ormai da tradizione) con la maglia del Christmas Match che andrà poi all’asta in beneficenza per aiutare con il ricavato i bambini meno fortunati ed inizia la partita spingendo subito a mille e Donnarumma subito deve aver il suo bel da fare con una conclusione di Ilicic. Ma il vero regalo di Natale lo confeziona il Papu al decimo minuto: prende palla, manda l’ex Conti al bar, entra in area e conclude sotto l’incrocio per un gol bellissimo che fa esplodere di gioia i tifosi allo stadio. 1-0 per i nerazzurri.

BUONA DEA, MA POCHE OCCASIONI: l’Atalanta è padrona del campo e gioca un gran bel calcio che mette in seria difficoltà la squadra di Pioli come al quarto d’ora quando Pasalic conclude da fuori area e centra in pieno la traversa con la palla che poi finisce sul fondo. Dieci minuti dopo e si vede anche il Milan quando Rodriguez tira d’esterno da lontano, e la palla finisce fuori di poco. Con il passare dei minuti l’Atalanta abbassa i giri del motore e il Milan non pare voler insistere più di troppo e così la gara perde di intensità tranne al quarantesimo quando Ilicic conclude dall’interno dell’area e Donnarumma risponde con una gran parata che è il titolo di coda di un primo tempo che si chiuderà cinque minuti dopo (senza recupero) e con la Dea avanti di un gol.

RIPRESA, L’ELFO PASALIC E FOLLETTO-ILICIC, 3-0!: il secondo tempo inizia con Castagne che al quarto minuto va al tiro ma con scarsa precisione. E’ però il segnale che la Dea ha intenzione di far sul serio e non correre rischi: al quarto d’ora arriva il raddoppio dei nerazzurri quando proprio Castagne vola via ed entra in area, prova a concludere e trova la decisiva deviazione dell’ex Pasalic che mette in porta alle spalle di Donnarumma: 2-0. La fragilità del Milan esce completamente allo scoperto dopo il raddoppio, e la Dea ne approfitta di nuovo due minuti più tardi con un’altra azione avvolgente e veloce dei nerazzurri porta Ilicic davanti a Donnarumma che non può nulla sulla conclusione dello sloveno. Tutto vero, l’Atalanta è già 3-0!

ILICIC-BIS, POI IL RE MAGIO MURIEL FA 5-0: lo sloveno ci prende gusto e decide nel giro di tre minuti di infierire nuovamente sui rossoneri quattro minuti dopo andando ancora a segno: è incredibile il tiro dal limite dello sloveno, che supera nuovamente Donnarumma e certifica il poker della Dea. Sul 4-0 il Milan alza definitivamente bandiera bianca ed il ritmo del match si abbassa nuovamente ed il Gasp concede alla mezz’ora la standing ovation proprio ad Ilicic che lascia spazio a Muriel che ricambia subito la fiducia del suo allentatore andando a far diventare di proporzioni storiche il risultato per la Dea sfruttando al meglio il pallone ricevuto ed involandosi verso l’area rossonera, saltando Donnarumma in uscita e segnando il 5-0 a porta vuota con tanto di balletto con i compagni come esultanza.

UN MAGICO NATALE: è l’apoteosi a Bergamo, in pochi avrebbero scommesso su un risultato di simile portata che rimarrà nella storia (insieme ai tanti già iscritti in questi tre anni) della squadra nerazzurra. I minuti finali servono solo per segnalare gli ingressi di Hateboer e Freuler nel finale in attesa del fischio finale del direttore di gara dopo un minuto di recupero. L’Atalanta annienta il Milan come ciliegina sulla torta di un 2019 straordinario che i nerazzurri hanno sin da subito fatto intendere che era loro intenzione provare a portar l’intera posta in palio a casa. E ce l’ha fatta, anche stavolta, per una nuova ed incredibile impresa. Dopo Bologna, la scorsa settimana, avevo ribadito su queste pagine la mia fiducia per questa squadra che aveva comunque mostrato un buon gioco (nonostante le tante assenze): il tempo mi ha dato ragione nel giro di una settimana. Questi ragazzi sono davvero incredibili e se questo Natale sarà per l’ennesimo anno stellare il merito è soprattutto loro, del mister e di questa società. E auguri di cuore a tutti, che il Natale sia sereno e pieno di gioia e che il nuovo anno regali ancora grandissime soddisfazioni, sportive e non, a tutti voi!

IL TABELLINO

ATALANTA-MILAN 5-0 (primo tempo 1-0)

RETI: 10′ pt Gomez (A), 16′ st Pasalic (A), 18′ st Ilicic (A), 27′ st Ilicic (A), 38′ st Muriel (A)

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Palomino, Djimsiti; Castagne, De Roon, Pasalic, Gosens (44′ st Hateboer); Gomez (43′ st Freuler), Malinovskyi; Ilicic (35′ st Muriel) – A disposizione: Rossi, Sportiello, Masiello, Ibañez, Barrow – Allenatore: Gasperini

MILAN (4-3-3): G.Donnarumma; A.Conti, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez (1′ st Calabria); Kessie, Bennacer, Bonaventura (19′ st Piatek); Suso (39′ st Castillejo), Leao, Calhanoglu – A disposizione Reina, A. Donnarumma, Borini, Rebic, Biglia, Caldara, Krunic, Gabbia, Brescianini – Allenatore: Pioli

ARBITRO: La Penna di Roma.

NOTE: spettatori: 21mila circa – ammoniti: Castagne, De Roon (A); Musacchio, Suso, Romagnoli, Kessie (M) – recuperi: 1′ p.t. e 1′ s.t.




Il Milan prima delle feste: dai Atalanta regalaci un super-Natale!

BERGAMO, ORE 12.30: C'E' IL CHRISTMAS MATCH!

ILICIC E IL PAPU PER FERMARE IL DIAVOLO DEI TANTI EX

All’ultima curva di questo straordinario 2019, prima delle festività l’Atalanta attende nel proprio fortino il Milan per l’appuntamento dell’ora di pranzo della diciassettesima di serie A. La squadra del Gasp vuol invertire subito la rotta dopo lo stop post-Champions di Bologna che ha rallentato la marcia dei nerazzurri che, comunque vada il match odierno, chiuderanno almeno al sesto posto in classifica questo anno che ha regalato ai propri tifosi soddisfazioni immense. Occhio però al Milan, che con l’arrivo di Pioli in panchina ha iniziato a ritrovare sprazzi di gioco e di un gruppo che ha comunque valori importanti in organico, basti pensare agli ex nerazzurri Conti, Kessie e Bonaventura, ma anche a gente come Suso e Piatek capaci di risolvere la partita da soli. Servirà quindi una grande prova per un’Atalanta che vuol provare a confezionare un bel regalo da mettere sotto l’albero dei proprio tifosi.

SEGUITE IL MATCH INSIEME A NOI A IN DIRETTA A PARTIRE DALLE 12.30 CON IL RACCONTO LIVE SUI NOSTRI CANALI SOCIAL
FACEBOOK E TWITTER

I DUBBI DEL GASP: buone notizie davanti per mister Gasperini che recupera Gomez ed Ilicic (e spera di ritrovare Zapata dopo le festività natalizie): non da escludere a questo punto l’utilizzo dello sloveno in avanti con Muriel inizialmente in panchina. In fascia dovrebbe toccare ancora a Castagne e Gosens con Pasalic avanzato in avanti ed il Papu libero di inventare. Dietro tocca a Toloi, Palomino e Djimsiti.

LE PROBABILI FORMAZIONI

ATALANTA (3-4-2-1): Gollini; Toloi, Palomino, Djimsiti; Castagne, De Roon, Freuler, Gosens; Gomez, Pasalic; Ilicic – All.: Gasperini

MILAN (3-4-2-1): Donnarumma; Conti, Musacchio, Romagnoli, Calabria; Kessie, Bennacer, Bonaventura; Suso, Piatek, Calhanoglu – All.: Pioli




Serie A, i risultati dopo la 16a giornata

INTER, BEFFA A FIRENZE E LA JUVE LA RIAGGANCIA

E’ durato meno di una settimana il vantaggio di due punti dell’Inter sulla Juve, il pari in extremis della Fiorentina sugli uomini di Conte consente ai bianconeri (vincenti sull’Udinese) di tornare appaiati ai nerazzurri in testa alla classifica. Più dietro, prosegue la marcia di Lazio e Roma che superano rispettivamente il Cagliari (due gol in pieno recupero per i biancocelesti) e la Spal consolidando così il terzo e quarto posto. Il Sassuolo ferma il Milan sul pari a San Siro mentre un gol di Gabbiadini regala alla Samp il derby con il Genoa. Nel recupero della settima giocata mercoledì 18, il Sassuolo vince in casa del Brescia. Vediamo ora tutti i risultati di questa giornata, i marcatori e la nuova classifica:

I RISULTATI

Brescia-Lecce 3-0: 32′ Chancellor, 44′ Torregrossa, 61′ Spalek – giocata sabato 14 ore 15:00 

Napoli-Parma 1-2: 4′ Kulusevski (P), 64′ Milik (N), 93′ Gervinho (P) – giocata sabato 14 ore 18:00 

Genoa-Sampdoria 0-1: 85′ Gabbiadini – giocata sabato 14 ore 20:45 

Hellas Verona-Torino 3-3: 36′, 62′ Ansaldi (T), 55′ Berenguer (T), 69′ rig. Pazzini (V), 78′ Verre (V), 84′ Stepinski (V) – ore 12:30 

Bologna-Atalanta 2-1: 12′ Palacio (B), 53′ Poli (B), 60′ Malinovskyi (A)

Juventus-Udinese 3-1: 9′, 37′ Cristiano Ronaldo (J), 45′ Bonucci (J), 94′ Pussetto (U)

Milan-Sassuolo 0-0

Roma-Spal 3-1: 44′ rig. Petagna (S), 53′ aut. Tomovic (R), 66′ rig. Perotti (R), 83′ Mxit’aryan (R) – ore 18:00 

Fiorentina-Inter 1-1: 8′ Borja Valero (I), 92′ Vlahovic (F) – ore 20:45 

Cagliari-Lazio 1-2: 8′ Simeone (C), 93′ Luis Alberto (L), 98′ Caicedo (L) – lunedì 16 ore 20:45 

Brescia-Sassuolo 0-2: 25′ Traorè, 71′ Caputo (Recupero 7a giornata (18/12 ore 20.45)

LA CLASSIFICA
Squadra PG V P S GF GC DG Pts.
1 Juventus 16 12 3 1 29 16 +13 39
2 Inter 16 12 3 1 32 14 +18 39
3 Lazio 16 11 3 2 38 16 +22 36
4 Roma 16 9 5 2 29 16 +13 32
5 Cagliari 16 8 5 3 32 21 +11 29
6 Atalanta 16 8 4 4 38 25 +13 28
7 Parma 16 7 3 6 23 19 +4 24
8 Napoli 16 5 6 5 25 21 +4 21
9 Torino 16 6 3 7 21 24 -3 21
10 Milan 16 6 3 7 16 19 -3 21
11 Sassuolo 16 5 4 7 28 27 +1 19
12 Bologna 16 5 4 7 24 27 -3 19
13 Hellas Verona 16 5 4 7 17 20 -3 19
14 Fiorentina 16 4 5 7 20 24 -4 17
15 Lecce 16 3 6 7 20 32 -12 15
16 Udinese 16 4 3 9 11 27 -16 15
17 Sampdoria 16 4 3 10 13 25 -12 15
18 Brescia 16 4 1 11 14 28 -14 13
19 Genoa 16 2 5 9 17 31 -14 11
20 SPAL 16 2 3 11 10 25 -15 9



Le pagelle di Bologna-Atalanta

GOLLINI SEMPRE SUPER, PASALIC OGGI SPRECONE

La gara di Bologna regala indicazioni anche positive per i nerazzurri che confermano la forza di Gollini, anche oggi determinante in almeno due occasioni oltre che la crescita di Malinovskyi che, fallisce si due gol, ma poi va a segno e sfiora più volte il pari nel finale. Barrow è croce e delizia: offre l’assist per il gol del 2-1, ma poi fallisce due ottime opportunità.

LE PAGELLE

ALL.: GASPERINI 6.5: si gioca tutto quel che ha a disposizione e, in campo, la sua Atalanta gira comunque a dovere, peccato però che il peso offensivo ridotto al lumicino porti i suoi a sciupare troppe occasioni che, alla lunga, la Dea ha pagato a caro prezzo. Ora però bisogna voltar subito pagina e pensar al Milan per provare a regalar ai tifosi nerazzurri un Natale di quelli da leccarsi i baffi.

GOLLINI 7: ne prende due senza particolari colpe, ma è determinante in almeno altre due occasioni ad evitare che i felsinei arrotondino il risultato prima dell’intervallo.

TOLOI 6: non al meglio, rientra oggi disputando una gara tutto sommato sufficiente.

PALOMINO 5.5: si fa anticipare troppo facilmente da Poli in occasione del raddoppio del Bologna. Leggerezza che pesa.

DJIMSITI 6.5: bene, dietro ma anche in avanti quando nel finale sfiora di testa il possibile pareggio con il pallone che esce di pochissimo.

CASTAGNE 6: bene nel primo tempo, nella ripresa appare in evidente calo con il passare dei minuti finendo poi per essser sostituito. (HATEBOER 5.5: il suo ingresso non cambia di molto l’andazzo delle cose).

DE ROON 6.5: grintoso (a volte troppo), va spesso a recuperare palloni importanti in mezzo, ma anche a perderli…

FREULER 5.5: paga la stanchezza del match di Champions, ma la sua gara non pare essere mai all’altezza delle sue capacità. Poi sostituito. (BARROW 6.5: chiaro, questo giudizio potrebbe scatenare discussioni infinite. Ma è già la seconda occasione in cui sfodera un assist decisivo per mandare in rete in compagno, tuttavia butta alle ortiche anche un paio di ottime opportunità, e anche questo va sottolineato.

GOSENS 6.5: prova a metter il turbo specialmente nella ripresa, la cosa gli riesce discretamente anche se ogni tanto perde anche lui qualche pallone che grida vendetta. Comunque bene.

MALINOSVKYI 6.5: croce e delizia anche lui. Sciupa due incredibili occasioni in avvio che potevano cambiar il match, poi però coglie l’attimo giusto per riaprirla e, nel finale, per due volte il portiere del Bologna gli nega il possibile gol della doppietta e del pari. Deve cancellare certi momenti in cui ha delle amnesie che possono costar caro, ma la strada pare quella giusta.

PASALIC 5: da innamorato (calcisticamente parlando) di questo giocatore, oggi mi spiace un sacco doverlo mandare dietro la lavagna, ma quel gol clamoroso fallito prima dell’intervallo grida ancora vendetta in una partita dove comunque non riesce ad esprimersi al meglio e come dovrebbe. Era stanco, e lo si è visto.

MURIEL 5: regala l’assist per l’occasione clamorosa sciupata da Pasalic, poi si nota davvero poco, troppo per un giocatore che la davanti non dovrebbe far sentire la mancanza di Zapata. L’impegno non manca, il resto è molto rivedibile. (COLLEY s.v.: nella mischia nel finale, non ha modo di mettersi in evidenza).