Tempo di lettura: 3 minuti

Battendo il Novara e pareggiando con il Chievo i nerazzurri si aggiudicano il trofeo “Banco Popolare”: una iniezione di fiducia importante contro due squadre che saranno probabili avversarie nella corsa alla salvezza ad un paio di settimane dall’inizio del campionato ed una dalla prima uscita stagionale di Coppa Italia.

L'esultanza dei nerazzurri dopo il gol di Gabbiadini al Chievo

Riepiloghiamo l’andamento della serata del Comunale con una breve cronaca dei tre match disputati e le formazioni scese in campo:

ATALANTA-NOVARA 1-0
RETI: 32′ Capelli

ATALANTA: Consigli, Capelli, Masiello, Lucchini, Peluso, Moralez, Padoin, Carmona, Bonaventura, Marilungo, Tiribocchi – A disposizione: Frezzolini, Bellini, Caserta, Barreto, Schelotto, Pettinari, Gabbiadini, Ferri, Ardemagni, Raimondi – All.: Colantuono

NOVARA: Ujkani, Gemiti, Paci, Morganella, Porcari, Marianini, Pesce, Centurioni, Pinardi, Granoche, Meggiorini – A disposizione: Fontana, Giorgi, Motta, Rubino, Rigoni, Morimoto, Radovanovic, Dellafiore, Mazzarani, Garcia, Gigliotti – All.: Tesser

Cronaca: avvio abbastanza difficile per i nerazzurri che paiono soffrire la velocità e la maggior agilità dei piemontesi e Consigli, se vi fossero ancora dubbi, dimostra nuovamente come la sua presenza tra i pali dia sicurezza e qualità al reparto. Anche Masiello ha modo di dimostrare nuovamente, come già visto anche nel Bortolotti, come sia utile nelle chiusure ed importante come innesto di questo mercato estivo. Il gol partita arriva da corner: Moralez (buona partita anche per lui) manda sul secondo palo, Capelli svetta e trova il sette dalla parte opposta regalando all’Atalanta i primi tre punti in palio nel trofeo.

NOVARA-CHIEVO VERONA 2-0

RETI: 15′ e 19′ Morimoto

NOVARA: Fontana, Dellafiore, Morganella (12′ Paci), Centurioni, Rigoni, Giorgi, Mazzarani, Radovanovic, Garcia, Meggiorini, Morimoto – A disposizione: Ujkani, Gemiti, Pinardi, Shala, Motta, Rubino, Porcari, Marianini, Granoche, Paci, Gigliotti – All.: Tesser

CHIEVO VERONA: Squizzi, Mandelli, Jokic, Frey, Sardo, Cruzado, Luciano, Rigoni, Bostjan, Paloschi, Pellissier – A disposizione: Coletta, De Falco, Moscardelli, Acerbi, Hetemaj, Thereau, De Paula, Rincon, Uribe – All.: Di Carlo

Cronaca: il secondo match porta il Novara ad un immediato riscatto nel match contro il Chievo. La squadra di Tesser chiude la pratica in meno di cinque minuti con la doppietta di Morimoto che stende i veneti e regala la vittoria ai piemontesi che saranno spettatori dell’ultimo match tra Atalanta e gli stessi veneti.

ATALANTA-CHIEVO VERONA 1-1

RETI: 22′ Gabbiadini, 28′ Pellissier

ATALANTA: Consigli, Lucchini, , Bellini, Ferri, Raimondi, Schelotto, Barreto, Caserta, Pettinari, Gabbiadini, Ardemagni – A disposizione: Facheris, Capelli, Moralez, Peluso, Padoin, Masiello, Marilungo, Tiribocchi – All.: Colantuono

CHIEVO V.: Squizzi, Mandelli, De Falco, Bostjan, Jokic, Rigoni, Sado, Frey, Pellissier, Hetemaj, Thereau – A disposizione: Coletta, Moscardelli, Acerbi, De Paula, De Castro – All.: Di Carlo

Cronaca: basta il pareggio ai nerazzurri per conquistare la vittoria del trofeo in quanto anche perdendo ai rigori, la squadra di Colantuono avrebbe ottenuto il punto necessario ad aggiudicarsi la vittoria. Bel

Match giocato a ritmi discreti con tensione sin troppo alta da parte dei veneti che eccedono in proteste e nervosismo in almeno un paio di occasioni nonostante il tono decisamente da amichevole ferragostiana. Tanto curioso e pittosto rocambolesco il gol dei nerazzurri (Gabbiadini si invola su suggerimento di Ardemagni e cerca il tiro che, deviato da Mandelli, spiazza il portiere), quanto appare nitido come è l’Atalanta a meritare di più per quanto visto, davanti ad un Chievo abbastanza deludente nel complesso di una serata con più ombre che luci per gli uomini di Di Carlo che salvano la faccia ringraziando bomber Pellissier che prima guadagna il rigore subendo fallo da Lucchini, poi va a batterlo con parata in un primo tempo di Consigli e ribattuta vincente del bomber clivense che vale l’1-1 che consentirà comunque ai nerazzurri di vincere il torneo.

Nel complesso va comunque lodata la buona prova difensiva dei nerazzurri (qualche amnesia a parte…) e va sottolineato come persista il problema in fase realizzativa con un centrocampo che manca di quella qualità che, al momento, Moralez sembra dare solo a sprazzi. Nonostante tutto un buon viatico in vista degli esordi in Coppa Italia tra una settimana ed in campionato tra due.

Capitan Bellini riceve la coppa del trofeo "Banco Popolare"
image_pdfimage_print