Tempo di lettura: 4 minuti

SERIE A, TREDICESIMA GIORNATA

ATALANTA-TORINO 0-1: BOVO DECIDE IL MATCH, DEA IRRICONOSCIBILE

Arriva la prima sconfitta interna stagionale per l’Atalanta di mister Reja che cede il passo al Toro che vince con merito ed aggancia i nerazzurri in classifica. I granata gestiscono meglio la gara, risultando superiori soprattutto in mezzo al campo e riuscendo a creare diverse occasioni con Belotti (anche una traversa per l’ex Palermo e AlbinoLeffe) nel primo tempo e colpendo in avvio di ripresa con Bovo sugli sviluppi di un corner. I nerazzurri, apparsi in difficoltà nel creare situazioni pericolose in area granata, danno segni di ripresa solo nel finale del match sprecando una ghiotta occasione con Denis e tentando uno sterile assedio nel finale. Decisa involuzione anche sul piano del gioco, dopo la bella prova di due settimane fa a San Siro con il Milan: per mister Reja c’è parecchio da lavorare.

Bergamo: si rialza il sipario sul campionato di calcio di serie A, dopo la sosta che ha chiuso il cerchio per le qualificate all’Europeo della prossima estate in Francia e, purtroppo, con la capitale transalpina protagonista dei drammatici fatti di una settimana fa con la capitale Parigi presa d’assalto dalle scorribande del terrorismo che ha seminato morte e terrore: anche per questo oggi su tutti i campi di serie A, prima dell’inizio di ogni match, risuoneranno le note dell’inno francese. Piccolo gesto, che sicuramente non può cambiare i fatti attuali ma dimostrare l’unità e la vicinanza di tutti i popoli, di qualsiasi colore della pelle essi siano, verso il popolo francese ferito.

GRASSI NO, CARMONA SI: qualche problemino per Grassi favorisce il ritorno da titolare per Carmona in mezzo al campo con Cigarini confermato dopo la bella prova di San Siro contro il Milan mentre la dietro tocca a Stendardo al posto di Toloi con Bellini capitano e, la davanti, Denis al posto di Pinilla supportato da Moralez e Gomez. Tra gli ospiti, oltre all’attesissimo ex Baselli, c’è Belotti (inseguito dai nerazzurri nel mercato estivo) e Quagliarella in attacco per i granata di Ventura.

AVVIO, MEGLIO IL TORO: partono forte i granata che al terzo si rendono pericolosissimi con Belotti, abile ad entrare in area e concludere, ma è bravissimo Sportiello ad opporsi alla conclusione dell’ex attaccante di Palermo e AlbinoLeffe poi sul tentativo di tap-in di Quagliarella la difesa nerazzurra libera la minaccia. Qualche minuto dopo Bruno Peres scappa via alla marcatura di Bellini e mette in mezzo un pallone rasoterra che sfila lungo l’area atalantina senza che nessuno riesca ad intervenire.

ZERO EMOZIONI: partita che, col passare dei minuti, diventa sempre più bloccata con il Torino che mantiene il controllo del pallone senza tuttavia risultare particolarmente insidioso e l’Atalanta che appare fin troppo guardinga che non riesce ad innescare il trio argentino in avanti e creare problemi dalle parti di Padelli; non a caso il primo tiro verso l’area granata dei nerazzurri arriva poco prima della mezz’ora con un diagonale di Moralez ampiamente a lato. A quattro minuti dall’intervallo è De Roon a tentar la soluzione dal limite dell’area ma il pallone è facile preda del portiere Padelli.

BRIVIDO BELOTTI: la squadra di Ventura torna a far paura nel finale della prima frazione quando è ancora Belotti protagonista nell’azione che lo porta a colpir di testa in area atalantina e centrar in pieno la traversa con la palla che rimbalza in campo e la difesa che può così liberare la minaccia e tentar l’immediata ripartenza che non porta tuttavia a particolari emozioni. Titoli di coda di un primo tempo che, dopo un minuto di recupero, va in archivio con le due squadre ferme sullo 0-0 ed un’Atalanta che ha fatto davvero pochino in questa prima parte del match.

BOVO LA SBLOCCA: la ripresa ricomincia con i medesimi ventidue che hanno concluso il primo tempo e con i nerazzurri che paiono più determinati rispetto alla prima parte della gara ma al settimo sono gli ospiti a rendersi prima pericolosissimi con una conclusione di Quagliarella deviata in corner dalla difesa e poi sbloccar la gara sul seguente tiro dalla bandierina con Bovo che si libera della marcatura di Masiello e mette dentro il gol che porta avanti la squadra di Ventura.

DEA BLOCCATA: piove sul bagnato in casa atalantina dopo il gol incassato, Bellini non ce la fa dopo aver preso un pestone ed è costretto al cambio con Brivio che lo rileva al nono minuto. Nonostante lo svantaggio, i nerazzurri fanno una tremenda fatica a farsi vedere e costruire azione degne di nota contro un Toro pronto ad aspettare e ripartire alla prima occasione.

DENIS-BELOTTI, CHE SPRECHI!: la squadra di Reja si fa viva a cinque dalla mezz’ora quando Gomez imbecca benissimo Denis in area di rigore ma l’argentino trova il pallonetto giusto per scavalcare Padelli ma la sfera finisce sul fondo; sul capovolgimento di fronte Belotti semina il panico tra la difesa nerazzurra e colpisce il palo esterno nel tentativo di conclusione all’ingresso dell’area atalantina.

ASSALTO STERILE, FINALE AMARO: a undici dalla fine in occasione di un corner Raimondi colpisce di testa in area ma la sfera finisce sul fondo, non di molto. Si gioca anche la carta D’Alessandro mister Reja nel finale al posto di Masiello negli ultimi minuti della partita in cui i nerazzurri provano il tutto per tutto senza risultar tuttavia mai seriamente pericolosi. E così, il fischio finale del direttore di gara dopo sei minuti di recupero segnano la fine dell’imbattibilità casalinga dell’Atalanta in questo avvio di stagione ma, soprattutto, una prova decisamente opaca degli uomini di Reja contro un Toro determinato e ben messo in campo che si porta via l’intera posta in palio con merito. Un passo falso inatteso, soprattutto per una sconfitta maturata per ampi meriti dell’avversario che ha condotto la gara sin dall’inizio andando più volte a sfiorare il gol sino a trovar la soluzione vincente in occasione del gol-partita di Bovo. Uno stop inatteso, ma da cui iniziare subito a lavorare, specialmente in vista della delicata trasferta di domenica prossima contro la Roma perchè l’Atalanta vista oggi non avremme molte chance di uscire indenne dalla sfida dell’Olimpico…

IL TABELLINO

ATALANTA-TORINO 0-1 (primo tempo 0-0)

RETE: 7′ s.t. Bovo

ATALANTA (4-3-3): Sportiello; Masiello (37’ st D’Alessandro), Stendardo, Paletta, Bellini (10’ st Brivio); Carmona, de Roon, Cigarini (25’ st Raimondi); Moralez, Denis, Gomez – In panchina: Radunovic, Bassi, Conti, Cherubin, Migliaccio, Kurtic, Grassi, Estigarribia, Monachello – All.: Reja

TORINO (3-5-2): Padelli; Bovo, Glik, Moretti; Bruno Peres, Acquah, Vives, Baselli (44’ st Gazzi), Molinaro; Belotti (49’ st Martinez), Quagliarella (39’ st Maxi Lopez). In panchina: Ichazo, Castellazzi, Gaston Silva, Zappacosta, Jansson, Prcic – All.: Ventura

ARBITRO: Cervellera di Taranto

NOTE: spettatori: 17mila circa – recuperi: 1′ p.t. e 6′ s.t.

image_pdfimage_print