Tempo di lettura: 4 minuti

Leggi anche l’articolo della redazione di Atalantini.com (nostro sito partner) ed interagisci in tempo reale con i commenti e le opinioni dei tifosi nerazzurri iscritti in merito al match del Comunale di questo pomeriggio.

Ferreira Pinto abbracciato da Tiribocchi dopo il gol dell'1-0

Finisce con una goleada il testacoda tra i nerazzurri e la squadra friulana che segna subito in avvio con Ferreira Pinto e sciupa alcune buone opportunità nel primo tempo ma, nella ripresa, trova la rete con Doni (rigore piuttosto dubbio) in avvio, Tiribocchi e Bonaventura nel finale mantenendo la vetta della classifica e le rivali a debita distanza

Bergamo: prima contro ultima, un testacoda in piena regola tra due squadre che hanno comunque ancora fame di punti: l’Atalanta che non deve distrarsi e tirare dritto verso il traguardo della serie A che è tutt’altro che già acquisito come in molti vanno predicando, e la Triestina del bergamasco Salvioni che vuol provare in ogni modo ad uscire dalle sabbie mobili che la inchiodano sul fondo della classifica del torneo cadetto. Ci sono insomma ottimi ingredienti per poter vedere un bel match nel primaverile pomeriggio del Comunale.

Atalanta, il mito continua: presentata allo stadio la nuova mascotte “Atalanta”, un simpaticissimo cartone animato nato dalla penna di Bruno Bozzetto e destinato ad accompagnare in futuro le partite casalinghe dei nerazzurri.

Ancora Ciccio-Tir: il rientro dei nazionali Carmona e Barreto in settimana permette a Colantuono di aver ampia disponibilità, tant’è che il paraguayano viene persino dirottato in tribuna con il mister nerazzurro che punta nuovamente sulla coppia Tiribocchi-Ruopolo mentre sul fronte opposto mister Salvioni deve far di necessità virtù portandosi due baby dalla primavera alabardata ed affidando l’attacco all’ex AlbinoLeffe testini e l’eterno Godeas.

Pinto, di nuovo lui: partenza lanciata della partita con i nerazzurri che provano ad imporre sin da subito il ritmo ed alla prima vera occasione passano subito: come nell’ultima giornata con il Padova è ancora Ferreira Pinto ad andare in rete e portare in vantaggio l’Atalanta quando sono passati solo cinque minuti di gioco in una azione in cui Tiribocchi offre un assist in area sulla destra per il brasiliano che, quasi in scivolata, trafigge Colombo nell’angolo più lontano. Ottenuto subito il vantaggio, i nerazzurri abbassano sin da subito il ritmo, ingabbiando di fatto anche ogni tentativo di reazione da parte di una Triestina che appare troppo prevedibile e le inventive del solo Testini con qualche conclusione da fuori non sembrano preoccupare Consigli che rimane praticamente disoccupato per tutto il primo tempo. Meriterebbero invece miglior fortuna le iniziative nerazzurre che, a cavallo con la mezz’ora, iniziano a farsi nuovamente più insistenti a caccia del gol del raddoppio: al ventitreesimo Doni avvia una bellissima azione con un colpo di tacco, la palla passa da Padoin a Ruopolo, da Tiribocchi ancora a Doni che, però, da posizione molto invitante, è impreciso e calcia a lato. Tiribocchi ci prova ancora intorno al trentottesimo ma la mira è davvero un optional ed è ancora il Tir in chiusura della prima frazione a chiamare il portiere ospite Colombo ad un grande intervento sulla sua conclusione dopo una bella combinazione tra Doni, Ruopolo e lo stesso Tiribocchi. E’ questo l’ultimo sussulto di un primo tempo che si chiude con i nerazzurri avanti di un gol allo scoccare del minuto quarantacinque.

Striscione con dedica dei tifosi a capitan Doni

Tanti auguri Capitano: parte la ripresa e l’Atalanta, come avvenuto anche nel primo tempo, ha subito la grande chance per raddoppiare perchè l’arbitro al secondo minuto decreta un calcio di rigore per un fallo in area su Ruopolo che, a dirla tutta, appare davvero molto molto generoso: sul dischetto si presenta il neotrentottenne Cristiano Doni che dal dischetto non sbaglia il punto del raddoppio nerazzurro mettendo il match sempre più in discesa per gli uomini di Colantuono. La Triestina si fa vedere pochi minuti più tardi con una conclusione di Gissi che finisce a fil di palo per quella che è la prima occasione del match che arriva dopo quasi un tempo e mezzo di gara.  Al quarto d’ora bel lancio di Doni per Ferreira Pinto, preceduto di un soffio dal portiere Colombo in uscita. Attimi di paura due minuti più tardi quando Antonelli commette un brutto fallo su Doni a centrocampo ma fortunatamente il capitano nerazzurro si rialza un minuto dopo il brutto fallo subito. Segue poi la girandola dei cambi che produce movimenti dalle panchine ma davvero poche emozioni in un match che scivola sempre più verso il novantesimo.

Alleluja Tir: momento di gloria anche per Simone Tiribocchi che, al quarantatreesimo, segna la rete del definitivo 3-0 per l’Atalanta dopo una bella azione del neo entrato Bonaventura che offre palla ad un altro innesto della panchina, Basha, che conclude ed il portiere Colombo respinge sui piedi del Tir che, da due passi, mette dentro il gol del tris.

Spazio anche per Jack: dopo aver offerto l’assist a Basha nell’azione del gol di Tiribocchi, Bonaventura trova al terzo minuto di recupero anche lui la via del gol con una bellissima azione personale conclusa con il punto del 4-0 che vale il poker nerazzurro. I tifosi gongolano, ed i cori “Torneremo in Serie A” si fanno sempre più alti per una città che vede avvicinarsi l’ambito traguardo di inizio stagione con le giornate restanti che iniziano ad essere sempre di meno… avanti tutta ragazzi!

Get the Flash Player to see this player.

image_pdfimage_print