Tempo di lettura: 4 minuti

SERIE A, DECIMA GIORNATA

ATALANTA-LAZIO 2-1: BIGLIA-GOL, UN AUTOGOL E IL PAPU PER IL RIBALTONE

Incredibile vittoria dei nerazzurri che, sotto un autentico nubifragio, rimontano negli ultimi venti minuti di gara il gol di Biglia su punizione arrivato al quarto d’ora del primo tempo e riprendono a volare in classifica dopo lo stop contro la Juve. Primo tempo difficile per Pinilla e compagni con una Lazio che comanda le operazioni e passa, concedendo davvero poco ai nerazzurri che paiono privi di idee. Nella ripresa Reja cambia con l’ingresso di Raimondi, la squadra cresce con il passare dei minuti ed al ventitreesimo trova il pari grazie ad un goffo autogol di Basta, che manda nella propria porta un passaggio rasoterra in area di Gomez. Gli ospiti a quel punto provano a spingere per cercar nuovamente il vantaggio ma è l’Atalanta a vincerla con una bella ripartenza che porta D’Alessandro a crossare per Gomez che segna un bellissimo gol e manda in delirio il Comunale. Si sale a quota diciassette punti in classifica per un settimo posto prestigioso.

Bergamo: tre giorni dopo la deludente sconfitta di Torino contro la Juve, l’Atalanta indossa l’abito da sera e torna in campo tra le mura amiche del Comunale dove è la Lazio, seconda forza nel torneo a pari merito con le altre big, l’avversario della decima di campionato. Match sicuramente non dei più facili, contro un avversario in salute che, tuttavia, ha finora fatto le sue fortune in casa e meno in trasferta ma sempre insidiosa e con giocatori in grado di decidere da soli la partita.

SI RIVEDE CARMONA: nel diluvio del Comunale mister Reja cambia qualcosina rispetto alla squadra sconfitta a Torino inserendo Stendardo al posto dello squalificato Toloi mentre Grassi parte dalla panchina con Carmona che torna titolare con in avanti Pinilla supportato da Moralez e Gomez; tra gli ospiti Pioli inserisce Hoedt al posto di Mauricio in difesa, conferma per Onazi a centrocampo accanto a Biglia e Matri rileva Klose in avanti.

BIGLIA LA SBLOCCA: avvio di gara favorevole agli ospiti che al sesto creano il panico in area atalantina con Basta che crossa rasoterra e Masiello interviene all’ultimo mettendo in corner ma rischiando un’incredibile autogol. Gli ospiti insistono ed al quarto d’ora la sbloccano grazie ad un calcio di punizione dal limite che Biglia trasforma con una precisa traiettoria che batte Sportiello e porta la Lazio sull’1-0.

OCCASIONE STENDARDO: storditi dall’avvio imponente degli ospiti, i nerazzurri danno la sensazione di capirci ben poco, con la squadra di Pioli che gestisce senza particolari difficoltà i timidi tentativi della squadra di Reja che alla mezz’ora ha però una ghiotta chance per trovare il pari in occasione di una punizione di Gomez che spiove in area e Stendardo manca di un nulla l’impatto con il pallone del possibile 1-1.

DEA OPACA: segnali di risveglio dei nerazzurri nell’ultima parte del primo tempo, con la squadra di Reja che prova a fare vedere qualcosa ed a cinque dalla fine ci prova con Kurtic su punizione da ottima posizione ma con mira ampiamente sbilenca per l’ex giocatore della Fiorentina. Poco altro da aggiungere per un primo tempo che andrà di li a poco chiudendosi dopo un minuto di recupero con gli ospiti avanti di un gol ed un’Atalanta davvero troppo timida.

RIPRESA, C’E’ RAIMONDI: ripresa che inizia sotto una pioggia torrenziale e subito con una novità, con Reja che opta per l’inserimento di Raimondi al posto di un sin li apatico Kurtic. Al terzo Moralez recupera un bel pallone ed apre per Pinilla che entra in area e conclude con mira però ampiamente imprecisa. Ancora il piccoletto argentino protagonista all’ottavo con una bella ripartenza in velocità e conclusione che Marchetti blocca in due tempi.

SE… “BASTA” UN AUTOGOL: dopo il quarto d’ora l’Atalanta inizia a spingere con intensità, con Pinilla che al ventesimo conclude da posizione defilata in area e il pallone sfila sul fondo; l’innesto di D’Alessandro per Dramè da ulteriore spinta offensiva ai nerazzurri che provano a produrre il maggior sforzo alla ricerca del pari. La squadra di Reja trova il pareggio al ventitreesimo quando un cross all’interno dell’area trova Gomez che prova il traversone rasoterra trovando sulla sua strada Basta che, nel goffo tentativo di rinviare, mette dentro nella propria porta il gol che riporta il match in parità.

PAPU METTE LA FRECCIA: trovato il punto che rimette in equilibrio il match, il tecnico atalantino si copre maggiormente con l’innesto di Cherubin al posto di un fradicio Maxi Moralez con la Lazio che pare intenzionata a spingere nei minuti finali ma è invece la squadra di Reja a colpire in maniera letale al quarantunesimo con Gomez, che riceve un bel pallone in area da D’Alessandro e si ritrova a tu per tu con Marchetti e segna il gol che ribalta il match e porta avanti i nerazzurri.

SOGNANDO SOTTO LA PIOGGIA: letteralmente spiazzata dal contropiede vincente dei nerazzurri, la Lazio prova l’assedio finale vedendosi sfilare una partita che sentiva quasi sua fino a metà della ripresa. Tuttavia il forcing della squadra di Pioli risulta sterile ed al termine dei tre minuti di recupero concessi dal direttore di gara, può esplodere la gioia dei fradici tifosi sugli spalti. Con una rimonta incredibile, dopo un primo tempo soporifero, l’Atalanta centra un preziosissimo successo che la lancia nuovamente in alto in classifica a quota dicassette punti per un settimo posto che è davvero tanta roba per i ragazzi di Reja che possono continuare a sognare. Grazie ragazzi!!!

IL TABELLINO

ATALANTA-LAZIO 2-1 (primo tempo 0-1)

RETI: Biglia (L) al 16’ p.t.; autorete Basta (L) al 24’, A. Gomez (A) al 41’ s.t.

ATALANTA (4-3-3): Sportiello; Masiello, Stendardo, Paletta, Dramé (dal 13’ s.t. D’Alessandro); Carmona, De Roon, Kurtic (dal 1’ s.t. Raimondi); Maxi Moralez (dal 32’ s.t. Cherubin), Pinilla, A. Gomez – A disposizione: Radunovic, Bassi, Migliaccio, Denis, Cigarini, Conti, Brivio, Monachello, Grassi – All.: Reja

LAZIO (4-2-3-1): Marchetti; Basta, Hoedt, Gentiletti, Lulic; Onazi (dal 35’ s.t. Klose), Biglia; Candreva, Milinkovic-Savic, F. Anderson; Matri (dal 19’ s.t. Djordjevic) – A disposizion: Berisha, Patric, Braafheid, Mauri, Morrison, Radu, Konko, Cataldi, Mauricio, Kishna – All.: Pioli

ARBITRO: Irrati di Pistoia.

NOTE: spettatori: 15mila circa – ammoniti Masiello e Raimondi, Biglia, Onazi, Lulic e Milinkovic-Savic – calci d’angolo 5-6 per la Lazio – recuperi: 1’ p.t., e 3′ s.t.

image_pdfimage_print