Le pagelle di Atalanta-Roma

PALOMINO SBAGLIA E RIMEDIA, FREULER E DE ROON D’ACCIAIO

Molto buona nel complesso la partita dei nerazzurri, che non si fanno intimorire dallo svantaggio dovuto al clamoroso errore di Palomino e impostano sin da subito la rimonta nella ripresa anche grazie proprio al gol dell’argentino che porta subito al pari in avvio. In mezzo la spinta e la forza di Freuler e De Roon è valore aggiunto nello scacchiere del Gasp mentre davanti nessuno segna ma tutti si rivelano molto utili alla causa.

LE PAGELLE:

ALL.: GASPERINI 8: con la solita freddezza la ribalta anche stavolta dalla panchina, come a Firenze. Stupisce tutti con l’ingresso di Pasalic per una punta come Zapata e invece proprio il croato trova il jolly da tre punti pochi secondi dopo; carica i suoi a dovere nell’intervallo dopo lo sfortunato episodio nel finale di primo tempo e la risposta è li da vedere. Ora il Valencia: nulla è impossibile.

GOLLINI 6: forse in leggerissimo ritardo in occasione del gol, ma complessivamente la sua serata è abbastanza tranquilla viste le sporadiche occasioni create dalla Roma.

TOLOI 6.5: un po’ timido nel primo tempo, nella ripresa cresce e spesso si propone anche in fase offensiva.

PALOMINO 6.5: il clamoroso errore di fine primo tempo pesa tantissimo e faceva temere il peggio ma lui, invece, risponde trovando il gol del pari subito ad inizio ripresa e imbavagliando successivamente Dzeko e salvando i suoi con almeno un paio di interventi determinanti: inferno e paradiso nel giro di 45′.

DJIMSITI 6.5: bene anche lui, un paio di sortite offensive senza successo ma anche la giusta attenzione dietro per evitare che i giallorossi si rendessero troppo pericolosi.

HATEBOER 7: qualche buona cosa nel primo tempo, molto bene nella ripresa dove spesso scappa via alla marcatura avversaria.

FREULER 6.5: un mezzo retropassaggio sciagurato, poi tanta sostanza e un’altra partita di grande qualità.

DE ROON 6.5: torna e ringhia sugli avversari sin dalle prime battute impedendo ai giallorossi di ragionare in fase di impostazione.

GOSENS 7: bellissimo l’assist che libera in area Pasalic e può così far partire il magico tiro che ribalta la partita.

GOMEZ 6.5: festeggia il compleanno sciupando una grande occasione in avvio, ma anche con l’ennesima, grande partita di sacrificio e dedizione alla causa. (MURIEL s.v.: solo i minuti finali per lui).

ILICIC 6.5: ben imbavagliato dalla Roma, mostra qualche lampo dei suoi nella ripresa. (MALINOVSKYI s.v.: dieci minuti più recupero per lui. Un po’ poco per far vedere qualcosa…).

ZAPATA 6.5: poche occasioni, ma tanti palloni smistati al servizio dei compagni che portano spesso su la squadra in zona pericolosa. (PASALIC 7.5: pronti-via e subito brilla con il grandissimo gol che completa la rimonta. Si riscatta alla grandissima dopo l’errore in avvio di partita a Firenze che gli era costata qualche critica eccessiva. SuperMario is back!).




L’Atalanta ha un SuperMario formato Champions: ribaltata la Roma, Dea sempre più quarta!

SERIE A, VENTIQUATTRESIMA GIORNATA

ATALANTA- ROMA 2-1: PALOMINO E PASALIC PER LA GRANDE RIMONTA

Il destino in quei dodici secondi: il tempo che mister Gasperini ha di far entrare in campo Mario Pasalic, che ricambia la fiducia con il bellissimo gol che completa l’ennesima, magica ed incredibile rimonta nerazzurra in una gara che, condotta in lungo e in largo da Gomez e compagni, si era messa male a fil di sirena del primo tempo quando Palomino sbaglia e Dzeko ringrazia segnando l’1-0 ospite. La ripresa però insegna che il destino esiste anche nel calcio, e proprio il numero sei atalantino trova il pari al sesto minuto su corner, poi entra proprio SuperMario e regala un pallonetto magico che va a infilarsi li sotto l’incrocio al minuto tredici che firma il definitivo sorpasso. La Roma non reagisce più e la Dea gestisce una vittoria fondamentale che vale il +6 (sette, considerando gli scontri diretti) proprio sui giallorossi e un quarto posto sempre più saldo. Ma c’è poco tempo per i festeggiamenti, mercoledì ci attende la storia a San Siro…

Bergamo: non si può definire un match-point mancando ancora tantissime giornate alla fine della stagione, ma sicuramente è una grande occasione: per entrambe. Da una parta l’Atalanta vuole provar ad allungar ulteriormente sulla Roma e consolidare il quarto posto che vuol dire ancora una volta Champions (aspettando mercoledì e la sfida al Valencia) mentre i giallorossi cercheranno di riprendere una Dea scappata via dopo gli ultimi stop con Sassuolo e Bologna. Inoltre ci sono gli ex Mancini e Spinazzola (mancherà lo squalificato Cristante) a mettere ulteriore pepe ad un match che ha tutto per farci divertire.

TORNA DE ROON, C’E’ HATEBOER: rientra dopo la squalifica e torna subito in cabina di regia De Roon insieme a Freuler in mezzo mentre c’è Hateboer e non Castagne in fascia con Gosens mentre dietro e davanti è tutto confermato, gioca il Papu a supporto di Ilicic e Zapata. Nella Roma, torna Bruno Peres in difesa, l’ex Mancini è avanzato a centrocampo mentre in corsia c’è un’altra vecchia conoscenza nerazzurra ovvero Spinazzola con Dzeko davanti supportato da Kluivert e Mkhitaryan.

RITMI ALTI, OCCASIONE-PAPU: bella cornice di pubblico al Gewiss stadium all’ingresso in campo delle squadre con il match che inizia e la partita è subito vivace, con il Papu che all’ottavo vola via in ripartenza ma si fa ipnotizzare in area da Pau Lopez al momento della conclusione con il portiere della Roma che respinge la conclusione dell’argentino. Al ventesimo si vedono anche gli ospiti con una veloce ripartenza con Perotti che conclude sull’esterno della rete. Bella la giocata di Ilicic a tre dalla mezz’ora quando riceve palla in area da Gosens e conclude ma con poca precisione.

SUICIDIO-PALOMINO, DZEKO RINGRAZIA: nel finale, prima Toloi prova una rovesciata in area con la palla che esce di pochissimo, poi si vede la Roma con Palomino che diventa protagonista nel bene, ma anche nel male: prima salva una conclusione in area su un pallone messo in mezzo da Perotti, poi controlla in maniera da censura un pallone docile che diventa preda di Dzeko che si invola così solo verso l’area di Gollini e lo supera proprio a fil di sirena portando avanti i giallorossi proprio ad un nulla dall’intervallo dopo un primo tempo comunque divertente e molto equilibrato che i ragazzi del Gasp chiudono però sotto.

RIPRESA, PALOMINO RIMENDIA E FA 1-1: nessun cambio dopo l’intervallo con i medesimi ventidue che riprendono la gara e Palomino che al terzo minuto si fa subito perdonare per il precedente errore che è costato il gol ai suoi: corner per i nerazzurri con proprio il numero sei che spunta alle spalle di Spinazzola e mette dentro il gol dell’immediato pareggio atalantino. La Dea sfiora poi il bis pochi minuti dopo quando al termine di una bella azione nerazzurra è De Roon a concludere da fuori con la palla deviata in corner dalla difesa giallorossa.

SUPERMARIO ENTRA E LA RIBALTA!: mossa a sorpresa del Gasp al dodicesimo che richiama Zapata in panchina e inserisce Pasalic al suo posto: e il Croato, nel giro di un minuto, ricambia alla grande la fiducia del mister ricevendo da Gosens palla in area e confezionando un gol bellissimo con una conclusione a giro che finisce dritta sotto l’incrocio. La Dea la ribalta, è 2-1!

VITTORIA IMPORTANTISSIMA, ORA IL VALENCIA: la partita a quel punto si mette sul binario che la squadra del Gasp voleva e la Roma fatica a reagire, tant’è che i giallorossi non riusciranno più a procurare seri pericoli dalle parti di Gollini, grazie anche stavolta alla ottima tenuta della difesa nerazzurra che nella ripresa non lascia davvero nulla al caso: entrano in successione anche Malinovskyi per Ilicic negli ultimi dieci minuti e poi Muriel per il Papu negli ultimi cinque ma la sostanza non cambierà: l’ennesima rimonta di questa Atalanta dalle grandi imprese vale però un importante sigillo al quarto posto, lasciando proprio gli stessi giallorossi dietro di sei punti (sette se si considerano gli scontri diretti a favore della Dea). E’ presto ovviamente per festeggiare con ancora tantissime giornate da disputare ma questa è sicuramente una grande iniezione di fiducia in vista di mercoledì. Perchè se stasera l’Atalanta ha provato a metter un altro mattoncino verso un possibile ritorno in Champions la prossima stagione, mercoledì la musichetta della coppa dalle grandi orecchie attenderà i nerazzurri a Milano contro il Valencia, confidando in un’altra grande impresa di questi ragazzi che non smettono mai di stupire.

IL TABELLINO:

ATALANTA-ROMA 2-1 (primo tempo 0-1)

RETI: 45′ Dzeko (R), 50′ Palomino (A), 59′ Pasalic (A)

ATALANTA (3-4-2-1): Gollini; Toloi, Palomino, Djimsiti; Hateboer, Freuler, De Roon, Gosens; Gomez (86′ Muriel), Ilicic (83′ Malinovskyi); Zapata (59′ Pasalic) – Allenatore: Gasperini

ROMA (4-1-4-1): Pau Lopez; Bruno Peres, Smalling, Fazio, Spinazzola; Mancini (68′ Veretout); Kluivert (62′ C. Perez), Pellegrini, Mkhitaryan, Perotti (78′ Villar); Dzeko – Allenatore: Fonseca

ARBITRO: Orsato di Schio

NOTE: gara di andata: Roma-Atalanta 0-2 – spettatori: 21mila circa – ammoniti: Mancini, Mkhitaryan, Fazio, C. Perez (R), Gosens (A) – espulsi: nessuno – recuperi: 1′ p.t. e 3′ s.t.




Aspettando il Valencia è già “profumo di Champions”: Atalanta, con la Roma è quasi uno spareggio

BERGAMO, ORE 20.45

MANCINI TORNA A BERGAMO CONTRO IL SUO PASSATO

Mercoledì può aspettare, ma la Champions fa già capolino dalle parti di Bergamo questa sera alle 20.45: già, perchè in attesa del big match di San Siro contro il Valencia, l’Atalanta aspetta la Roma a Bergamo questa sera in una sfida che vale tanto, tantissimo in ottica quarto posto: con i nerazzurri avanti tre punti proprio sui giallorossi, la gara si annuncia sicuramente emozionante tra due formazioni che puntano dritto all’Europa che conta in vista della prossima stagione. Non è certo un periodo facile per i giallorossi, ma l’Atalanta dovrà stare molto attenta ad un avversario di cui non è possibile fidarsi e che, nonostante le difficoltà, conta uomini di assoluto livello capaci di risolvere le partite da soli, proprio per questo serve uno spirito ed un ritmo “da champions” per cercare di regalarsi (e regalare ai propri tifosi) un’altra serata da sogno a Bergamo ed alla sua gente pazza per questa Dea che non finisce mai di stupire.

SEGUI IL MATCH DI FIRENZE IN DIRETTA CON NOI A PARTIRE DALLE 20.45 ATTRAVERSO IL NOSTRO RACCONTO SOCIAL SU FACEBOOK E TWITTER

I DUBBI DEL GASP: torna De Roon dopo la squalifica e mister Gasperini pare intenzionato a riportarlo subito in cabina di comando in mezzo con Castagne e Gosens favoriti in fascia; davanti ci sarà il Papu (che oggi compie gli anni) insieme ad Ilicic e Zapata mentre dietro tutto confermato in difesa.

LE PROBABILI FORMAZIONI

ROMA (4-2-3-1): Pau Lopez; Bruno Peres, Smalling, Mancini, Kolarov; Pellegrini, Veretout; Under, Mkhitaryan, Kluivert; Dzeko – All.: Fonseca

ATALANTA (3-4-2-1): Gollini; Toloi, Palomino, Djimsiti; Castagne, De Roon, Freuler, Gosens; Gomez, Ilicic; Zapata – All.: Gasperini




Le pagelle di Roma-Atalanta

ZAPATA SPACCA IL MATCH, KJAER GRANDE ESORDIO, TOLOI SUPER

Partita praticamente perfetta per i ragazzi del Gasp, che soffrono poco e si affidandosi anche alle grandi parate di Gollini, imponendo per lunghi tratti il loro gioco alla Roma. Malinovsky convince ancora alla sua seconda da titolare, Toloi riscatta le sue precedenti uscite poco convincenti mentre Kjaer piace alla sua prima da titolare.

LE PAGELLE

ALL.: GASPERINI 8: rinuncia alle punte affidandosi al Papu ed Ilicic la davanti ed ottiene quel che voleva: mette sotto dal punto di vista del gioco la Roma e, quando capisce che il momento è quello giusto, inserisce Zapata che sblocca un match sin li veramente bloccato. Terza vittoria su tre in trasferta in questo avvio di stagione: la sua Dea è una agenzia di viaggi!

GOLLINI 8: almeno due grandissimi interventi decisivi. Bellissima soprattutto la parata del primo tempo su Dzeko che colpisce quasi a colpo sicuro ma trovando la grande risposta del portiere nerazzurro.

TOLOI 8: non segna, ma compie almeno 2-3 interventi decisivi che evitano guai peggiori ai suoi compagni di reparto. Che riscatto! Bravo!

KJAER 7: l’ammonizione in avvio di gara non lo fa intimorire, si francobolla prima a Pellegrini poi anche a Dzeko e la Roma fa così una fatica tremenda a creare occasioni. Buona la prima!

PALOMINO 6.5: nella ripresa Zaniolo gli scappa via e la squadra rischia su quella disattenzione, ma complessivamente anche lui oggi appare nettamente più sicuro di se come tutti i suoi compagni di reperto.

HATEBOER 7: scappa via in più occasioni e mette in seria difficoltà la Roma nel tentativo di arginarlo.

DE ROON 7.5: gran partita anche per lui, con ciliegina finale del gol del raddoppio che evita patemi inutili nel finale di partita.

FREULER 7: torna titolare e fa finalmente sentire tutte le sue qualità; bellissimo l’assist a Zapata che vale il gol che sblocca la partita.

CASTAGNE 7: oggi non va a segno, ma dal suo rientro la sensazione è che su quella fascia il padrone sia solo e soltanto lui.

MALINOVSKY 7: il “colonnello” anche oggi si conferma dettando tempi e ritmi di gioco e disputando una egregia partita. (GOSENS s.v.: dentro nel finale)

ILICIC 7: quanto sia temuto dalla Roma è dimostrato dal numero di giocatori avversari che gli ruotano intorno quando è in possesso di palla: semina il terrore in area giallorossa. (ZAPATA 8: entra, sblocca la partita e colpisce anche un palo. Il suo ingresso è semplicemente devastante e spariglia definitivamente i piani della Roma. Mostruoso!)

GOMEZ 6.5: primo tempo poco convincente e con troppi passaggi spesso imprecisi e a tratti leziosi, nella ripresa però ci mette la firma col passaggio al bacio per Freuler che apre a Zapata la via del gol. Non è il miglior Papu, ma per oggi è bastato. (PASALIC 6.5: pochi minuti per lui, il tempo di spizzar di testa la punizione che poi finisce a De Roon per il raddoppio).




Si, l’Atalanta gioca ancora da grande: Dea-super all’Olimpico, Roma al tappeto!

SERIE A, QUINTA GIORNATA

ROMA-ATALANTA 0-2: ZAPATA E DE ROON GIUSTIZIANO I GIALLOROSSI

Che meraviglia! L’Atalanta esce con la forza del gruppo e con la qualità dei suoi giocatori dal momento difficile e si prende lo scalpo a domicilio di una Roma che sin qui non aveva mai perso in questo inizio di stagione: dopo un primo tempo avaro di emozioni, nella ripresa il Gasp inserisce Zapata che spacca la partita a ridosso della mezz’ora; la Roma reagisce, ma oggi la difesa nerazzurra (e Gollini) è super e ferma ogni tentativo giallorosso e, nel finale, De Roon firma il gol del definitivo 2-0 che lancia la Dea a nove punti in classifica al terzo posto aspettando le partite della sera.

Roma: due attacchi che hanno sin qui divertito e altrettante difese piuttosto da brivido in questo avvio di stagione: Roma-Atalanta si presenta con questo biglietto da visita e due formazioni che difficilmente fanno annoiare che si ritrovano di fronte nell’anticipo del turno infrasettimanale di campionato desiderose entrambe di ribadire le proprie ambizioni sin qui messe in mostra a ritmi alternati in questo avvio di stagione. Dopo il pari acciuffato in extremis con la viola, la squadra del Gasp prova ad allungare la mini-serie positiva e confermare la tradizione positiva all’Olimpico (sponda romanista) dove la Dea non perde da diverse stagioni.

ESORDIO PER KJAER: mister Gasperini prova una nuova soluzione in una difesa che sta subendo decisamente troppi gol in questo avvio di stagione: dentro dunque il danese Kjaer con Palomino e Toloi mentre in mezzo torna Freuler e davanti Zapata riposa, il Papu e Ilicic avanzano con Malinovsky dietro ad ispirarli. Nella Roma ci sono subito gli ex Spinazzola e Cristante in campo mentre manca Mancini oggi squalificato con Dzeko davanti sostenuto da Pellegrini e Florenzi.

RITMI LENTI, MEGLIO LA DEA: nonostante l’orario, è buona la cornice di pubblico all’Olimpico con circa 140 tifosi giunti nella capitale da Bergamo ed il match che inizia su ritmi piuttosto bassi ma con l’Atalanta che prova ad imporre il proprio gioco sin dalle prime battute impedendo così alla Roma di poter metter in azione il proprio potenziale offensivo molto pericoloso: al sesto la palla arriva a Gomez che da buona posizione manda a lato, un tiro a metà tra cross e conclusione a rete. Cinque minuti dopo altra opportunità per gli ospiti con Malinosvkyi che lancia per Ilicic in area ma lo sloveno cerca un dribbling che non riesce il pallone tra le mani di Pau Lopez.

GOLLINI SALVA SU DZEKO: al diciottesimo si vede anche la Roma, l’ex Spinazzola fa fuori mezza difesa atalantina, ma il suo tiro è bloccato da De Roon con il corpo. I giallorossi dopo la mezz’ora provano ad aumentare i giri e per poco non passano al trentunesimo quando Gollini è super su Dzeko andando a prendere un pallone che sembrava già destinato in rete. L’Atalanta risponde pochi minuti dopo con un tentativo al volo di Ilicic su assist di Malinovsky che però finisce fuori misura per quello che è l’ultimo sussulto di un primo tempo in cui la vera notizia è che entrambe le difese non hanno subito gol: 0-0 a metà gara.

RIPRESA, TOCCA A ZAPATA: nessun cambio durante l’intervallo con le due squadre che riprendono il match dopo il riposo con i nerazzurri che prendono subito il controllo delle operazioni ma la sensazione è che tuttavia la davanti manchi qualcosa senza uno tra Zapata e Muriel. Al tredicesimo però è la Roma pericolosissima quando Zaniolo manda al bar Palomino e si invola verso l’area nerazzurra, salta Gollini ma trova sulla sua strada un monumentale Toloi che salva capra e cavoli e la difesa atalantina può respirare; un minuto dopo entra Zapata al posto di Ilicic con il Gasp che prova a metter più peso in attacco.

GRAFFIA EL PANTERON, 1-0!: l’ingresso di peso la davanti si fa subito sentire per la Dea che continua a spingere sempre più: al ventiquattro Palomino riceve un cross in area e, tutto solo, manda clamorosamente fuori di testa. L’appuntamento con il gol per i nerazzurri è però solo solo rimandato di pochissimo: al venticinquesimo il Papu offre un bel pallone a Freuler che imbecca Zapata in area che conclude e buca la rete giallorossa portando in vantaggio l’Atalanta.

DE ROON CHIUDE I CONTI AL 90′: la Roma prova a scuotersi, Fonseca getta nella mischia Kalinic che prova a lasciare il segno alla mezz’ora quando conclude in spaccata ma Gollini è ancora una volta super a dire di no ai giallorossi. Entra anche Gosens per Malinovsky mentre i giallorossi attaccano con la forza della disperazione, la Dea invece quando offende fa male: a tre dal novantesimo ancora Zapata, servito da un ottimo Hateboer, calcia da buona posizione la palla scheggia il palo e va fuori. Con l’uscita del Papu per Pasalic, sembra destinata ad un finale col fiato sospeso la squadra del Gasp ed invece proprio al novantesimo il neo entrato croato tocca di testa un calcio di punizione e la palla arriva a De Roon che insacca facile facile il gol del 2-0 che fa saltare di gioia i tifosi nerazzurri giunti nella capitale.

COLPO DA GRANDE ATALANTA: in un colpo solo quindi l’Atalanta non subisce gol, infligge la prima sconfitta stagionale alla Roma e si impone su un campo ostico contro un avversario di spessore giocando una egregia partita e mettendosi definitivamente alle spalle il brutto esordio in Champions. L’ennesima dimostrazione che questa squadra, se convinta e determinata, può temere ben pochi avversari e questa sera conquista la terza vittoria consecutiva in trasferta in altrettante giocate in questo avvio di stagione; ah, aspettando le altre partite siamo anche terzi in classifica!

IL TABELLINO:

ROMA-ATALANTA 0-2 (primo tempo 0-0)

RETI: 70′ Zapata (A), 90′ De Roon (A).

ROMA (4-2-3-1): Pau Lopez; Spinazzola (58′ Jesus), Smalling, Fazio (75′ Kalinic), Kolarov; Cristante, Veretout; Zaniolo (64′ Mkhitaryan), Pellegrini, Florenzi; Dzeko – A disposizione: Antonucci, Diawara, Fuzato, Kluivert, Mirante, Pastore, Santon – Allenatore: Fonseca.

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Kjaer, Palomino; Hateboer, De Roon, Freuleur, Castagne; Malinovskyi (78′ Gosens); Ilicic (60′ Zapata), Gomez (87′ Pasalic) – A disposizione: Arana, Barrow, Djimsiti, Ibanez, Masiello, Rossi, Sportiello – Allenatore: Gasperini

ARBITRO: Irrati di Pistoia.

NOTE: spettatori: 35mila circa – ammoniti: Zaniolo, Jesus (R); Kjaer (A) – calci d’angolo: 5-1 per la Roma – recuperi: 2′ p.t. e 4′ s.t.




A cena con la Dea: all’Olimpico per una sfida all’insegna dello spettacolo

ROMA, ORE 19

ZAPATA E DZEKO, DUELLO TRA BOMBER

Dopo l’iniezione di fiducia per il pareggio strappato in extremis alla Fiorentina domenica, è già tempo di nuovi esami per l’Atalanta che questa sera alle 19 sarà in campo a Roma contro i giallorossi di Fonseca in una sfida che si annuncia sicuramente ricca di gol ed emozioni, vista anche la fragilità difensiva di ambo le squadre in questo avvio di stagione. Per Gomez e compagni è sicuramente un banco di prova importante contro un avversario che presenta anche diversi ex tra le sue fila: da Cristante e Spinazzola fino allo squalificato Mancini che non sarà della sfida contro il suo recente passato. Una gara che, pur solo alla quinta giornata, profuma già un po’ di Europa.

SEGUITE IL MATCH INSIEME A NOI A PARTIRE DALLE 19 CON IL RACCONTO LIVE SUI NOSTRI CANALI SOCIAL
FACEBOOK E TWITTER

LA VIGILIA DEL GASP: senza Muriel a casa con la tonsillite, mister Gasperini cerca comunque qualche cambio rispetto alla formazione vista domenica con la Fiorentina; potrebbe tornare Freuler in mezzo al posto di Pasalic così come Ilicic e Gomez sono indiziati di partire dal primo minuto davanti con Zapata. Dietro potrebbe toccare nuovamente a Toloi con Djimsiti in panchina.

LE PROBABILI FORMAZIONI:

ROMA (4-2-3-1): Pau Lopez; Florenzi, Fazio, Smalling, Kolarov; Cristante, Veretout; Zaniolo, Pellegrini, Mkhitaryan; Dzeko – All.: Fonseca

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Palomino, Masiello; Hateboer, De Roon, Freuler, Castagne; Gomez; Ilicic, Zapata – All.: Gasperini




Le pagelle di Atalanta-Roma

UN PAPU DA APPLAUSI, PALOMINO ENTRA E DA SICUREZZA

Partita dalle due facce per i ragazzi del Gasp, che parevano vicini alla resa al terzo gol della Roma e che invece hanno saputo reagire e trovar il guizzo decisivo con Castagne che ha riaperto i giochi a fine primo tempo. Sistemata la difesa con Palomino nella ripresa, la Dea ha dato l’assalto ai giallorossi fino a trovare il meritato e, quasi stretto, pareggio.

LE PAGELLE:

ALL.: GASPERINI 8: non si snatura, non si lascia andare e, al contrario, trascina i suoi verso una rimonta che poche squadre sarebbero state capace di fare. Nella ripresa si sistema con l’inserimento di Palomino e poi da l’assalto al fragile fortino giallorosso che crolla, preso a pallonate dai suoi. Alla fine poteva addirittura quasi provare a vincerla, ma tutto sommato bene così. Ora la Juve mercoledì… e qui serve qualcosa di unico per poter scrivere la storia. Forza mister!

BERISHA 6: ne prende tre ma senza particolari colpe, forse l’uscita in occasione del secondo gol di Dzeko (marcato in quel momento dal difensore) non è azzeccatissima. Comunque sufficiente.

TOLOI 6.5: riscatta con il gol che riapre la partita un paio di disattenzioni abbastanza evidenti, una delle quali vede sfuggir via Dzeko in avvio in occasione dell’1-0.

DJIMSITI 6.5: ancora lui, anche oggi. Il Gasp insiste con il ragazzo che tutto sommato se la cava con buone giocate e chiusure abbastanza precise.

MANCINI 5.5: parecchio in difficoltà, specie quando la Roma pare poter fare ciò che voleva in ripartenza dove spesso lui viene anticipato e saltato. Verrà sostituito nella ripresa. (PALOMINO 7: mossa che inizialmente pareva un po’ strana, da la sicurezza che mancava dietro ai suoi per iniziare a spingere e mettere all’angolo la Roma che, a quel punto, non riuscirà più a farsi vedere dalle parti di Berisha).

HATEBOER 6.5: decisamente in ombra nel primo tempo, nella ripresa mette il turbo in almeno tre occasioni facendo vedere ottime cose e creando spesso più di un problema ai difensori giallorossi.

DE ROON 6.5: la solita grande partita di sacrificio e sostanza per lui.

PASALIC 6.5: bene anche oggi, pur non regalando assist o giocate importanti ma è sempre più evidente il suo continuo inserimento nel motore della macchina del Gasp. (PESSINA s.v.: dentro nel recupero, ingiudicabile).

CASTAGNE 7: la sua partita è più che positiva, ma il suo gol è l’arma letale con cui poi si è potuta riprendere la Roma nel secondo tempo. Quel colpo di testa quando tutto pareva ormai perduto è stata la medicina per ricaricare una Dea che pareva disorientata. Determinante

GOMEZ 8: che meraviglia! Non segna ma ogni sua azione rischia di essere un pericolo per gli avversari: assist preciso per la testa di Castagne prima e Toloi poi. Rinato nella nuova posizione voluta dal mister. Grandissimo!

ILICIC 6.5: l’assist di nel finale a Zapata rende merito ad una gara di alti e bassi per lo sloveno, che sfiora il gol nel primo tempo e poi nella ripresa se ne divora uno clamoroso in avvio perdendo il pallone al momento di concludere. Comunque bene, nonostante a volte faccia arrabbiare tutti, mister compreso. (BARROW s.v.: dentro nel finale, si divora un gol quasi fatto ma, per sua fortuna, era in fuorigioco).

ZAPATA 7: incredibile! Ci fa disperare per quell’incredibile errore dal dischetto, per poi riscattarsi nemmeno un minuto dopo con la zampata che vale il 3-3: a segno anche oggi, ancora una volta El Panteron ha colpito!