Due penalty un po’ così, un… puntone grande così! L’Atalanta ferma la Roma all’Olimpico

Tempo di lettura: 4 minuti

SERIE A, TRENTUNESIMA GIORNATA

ROMA-ATALANTA 1-1: TUTTO SU RIGORE, PRIMA TOTTI POI DENIS

La squadra di Reja conquista un importantissimo punto in quel dell’Olimpico fermando sul pareggio la Roma dopo una gara a tratti vivace nel primo tempo e con un po’ di sofferenza nella ripresa: eppure la squadra di Garcia passa subito in vantaggio grazie ad un penalty generosamente concesso dopo poco più di un minuto e che Totti realizza e che paiono il preludio ad una gara in discesa. Invece i nerazzurri si organizzano e prendono in mano il controllo della situazione fino a trovare poco dopo il ventesimo il pareggio, anch’esso su rigore decisamente generoso, che il Tanque Denis realizza con freddezza. Ripresa d’assalto per la Roma che però non trova grandissime occasioni, se non in una circostanza dove però Sportiello si supera e Migliaccio salva. Pareggio che fa salire i nerazzurri a trenta punti in classifica, un altro mattoncino verso la salvezza.

Roma: tirato un sospirone di sollievo grande così dopo il successo sul Sassuolo che la ha allontanata da Cesena e Cagliari, l’Atalanta arriva all’Olimpico contro la Roma in quella che è forse una delle sfide più ostiche di questo finale di campionato che inizia oggi: otto match per cercare di incamerare il prima possibile questa salvezza che sembra non voler arrivare mai All’Olimpico quindi per provarci, senza l’ossessione che sarebbe stata causata da un mancato risultato pieno domenica scorsa.

SPUNTA EMANUELSON: decide di cambiare un po’ mister Reja, con qualche scelta a tratti anche sorprendente come l’innesto di Emanuelson da titolare proprio contro la sua ex squadra e quello di Estigarribia, che torna dal primo minuto dopo il lunghissimo infortunio; senza lo squalificato Cigarini, chance anche per Baselli, con Denis che invece è confermato in attacco. Garcia risponde con una Roma a trazione anteriore con Totti di punta ma con a supporto gente come Florenzi, Iturbe e Lijaic che fanno paura.

Iturbe contrastato da DrameSUBITO RIGORE, ROMA AVANTI: nemmeno il tempo di poter abbozzare qualche considerazione sulla gara e la Roma usufruisce subito di un fallo di rigore quando Stendardo scivola un po’ goffamente in area toccando con parte del braccio la sfera; nessun dubbio per il direttore di gara che indica il dischetto del rigore. Dal dischetto va Totti che porta avanti i giallorossi dopo nemmeno un paio di minuti.

ALTRO PENALTY, DENIS PAREGGIA: l’Atalanta a quel punto inizia a giocare la sua partita, conscia di ritrovarsi subito sotto in una gara che risulta in salita per Denis e compagni che non rinunciano a dire la loro ed al minuto ventitre vanno a trovare l’episodio importante per rimettere il match in piedi: Astori tocca all’ingresso dell’area di rigore Emanuelson che cade, anche in questo caso non ha dubbi il direttore di gara ad indicare il dischetto del rigore con Denis che si incarica della battuta e realizza il gol che porta l’Atalanta sull’1-1. Terzo gol in due giornate per il Tanque atalantino che pare tornato in forma. Visti e rivisti entrambi gli episodi dei calci di rigore c’è da dire che, probabilmente, di due rigore ve ne sia forse mezzo…

RITMO BASSO: la Roma, che pareva aver incanalato la partita come voleva, si ritrova così a dover ricominciare tutto da capo ed i nerazzurri sono abili a prendere in mano la situazione e contenere al meglio i capitolini e diventando anche pericolosa in almeno un paio di occasioni con Gomez, prima ben lanciato da Baselli e chiuso in corner dalla difesa, poi su corner con una bella conclusione che viene bloccata da De Sanctis. Finale di primo tempo a favore invece della squadra di Garcia che non sfrutta al meglio un paio di occasioni, una con Totti e l’altra con Paredes che fortunatamente non portano problemi a Sportiello in un primo tempo che si chiude senza recupero con le due squadre sull’1-1.

RIPRESA CON L’ELMETTO: senza nessun cambio il match riparte dopo l’intervallo con la Roma che, come da logica, prova a spingere con maggior determinazione ed i nerazzurri che sono chiamati così ad arretrare il proprio baricentro e stringere i denti, tant’è che mister Reja opta al quarto d’ora per un uomo da battaglia come Migliaccio al posto di Baselli (già ammonito). Roma insidiosa due volte al quarto d’ora da fuori area, prima con Nainggolan, poi con Florenzi ma in entrambi i casi Sportiello blocca.

SPORTIELLO SALVA: a pochi secondi dal ventesimo tocca anche a Maxi Moralez entrare in campo al posto di Emanuelson per cercare di velocizzare le ripartenze della squadra di Reja anche se l’iniziativa rimane comunque in mano alla squadra di Garcia che al ventottesimo con Torosidis si libera della marcatura in area e conclude (per fortuna) malamente da buona posizione e Sportiello blocca senza problemi. Forcing giallorosso che aumenta e Sportiello è sugli scudi al minuto trentadue quando Lijaic conclude dall’interno dell’area con prima Sportiello che si supera e poi Migliaccio che salva praticamenta sulla linea deviando la sfera in corner.

PUNTO D’ORO!!!: a dieci dalla fine c’è spazio anche per Bianchi in attacco con Denis che lascia il posto all’ex giocatore di Toro e Lazio in un finale in cui la squadra di Garcia prova nuovamente l’assalto, ma senza però riuscire a portar nuovamente palloni pericolosi dalle parti di Sportiello nemmeno durante i cinque minuti di recupero concessi dal direttore di gara, il cui fischio finale sancisce un pareggio importantissimo per i nerazzurri, che trovano un punto davvero tanto pesante quanto forse inatteso salendo a quota trenta punti in classifica. Guai ora ad abbassare la guardia, contro l’Empoli domenica all’ora di pranzo sarà l’ennesima battaglia per cercare l’ennesimo passo avanti verso l’agoniata salvezza. Forza ragazzi!!!

IL TABELLINO

ROMA-ATALANTA 1-1 (primo tempo 1-1)

RETI: Totti (R) al 3′ su rig, Denis (A) al 23′ su rig.

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Torosidis (dal 39′ s.t. Doumbia), Yanga-Mbiwa, Astori, Holebas; Paredes (dal 12′ s.t. Keita), Nainggolan; Iturbe (dal 12′ s.t. Ibarbo), Ljajic, Florenzi; Totti – A disposizione: Skorupski, Cole, Spolli, Balzaretti, Calabresi, Uçan, Pellegrini, Verde, Sanabria – All.: Garcia

ATALANTA (4-4-1-1): Sportiello; Benalouane, Stendardo, Masiello, Dramé; Estigarribia, Baselli (dal 14′ s.t. Migliaccio), Carmona, Gomez; Emanuelson (dal 20′ s.t. Moralez); Denis (dal 35′ s.t. Bianchi) – A disposizione: Avramov, Frezzolini, Del Grosso, D’Alessandro, Zappacosta, Rosseti, Grassi, Yannick – All.: Reja

ARBITRO: Gervasoni di Mantova

NOTE: gara di andata: Atalanta-Roma 1-2 – spettatori 35.088, incasso 993.760 euro. Ammoniti: Baselli, Benalouane, Dramè, Astori, Yanga-Mbiwa, Migliaccio e Stendardo per gioco scorretto, Paredes per comportamento non regolamentare, Florenzi per proteste

image_pdfimage_print