Parola d’ordine: rialzarsi. Dopo le sberle di San Siro, l’Atalanta col Pescara per il riscatto.

Tempo di lettura: 1 minuto

BERGAMO, ORE 15

PER RESTAR IN ALTO BISOGNA SOLO VINCERE

E’ già passata una settimana, ma la ferita dei sette gol incassati a San Siro contro l’Inter è ancora aperta, e l’Atalanta di mister Gasperini ha l’occasione questo pomeriggio per cercare di riprendere il cammino nel match interno contro il Pescara di Zeman: partita di valenza doppia per i nerazzurri che, con un successo, supererebbero il record storico di punti conquistati in serie A e, allo stesso tempo, potrebbero agganciar nuovamente proprio la stessa Inter (fermata sul pari dal Toro) in classifica e riprendere due punti di vantaggio sul Milan che ha temporaneamente scavalcato Gomez e compagni battendo il Genoa nell’anticipo. Formazione ancora in alto mare per il tecnico atalantino con Kessie non al meglio, conti out e Kurtic fuori per squalifica oltre al probabile esordio di Gollini tra i pali per problemi fisici anche per il portiere Berisha. Si gioca alle 15, non perdetevi il racconto della gara sulla nostra pagina Facebook e, al termine del match, la cronaca e le pagelle rivissute sulle pagine di Mondoatalanta.it.

LE PROBABILI FORMAZIONI:

ATALANTA (3-4-1-2): 91 Gollini; 3 Toloi, 13 Caldara, 5 Masiello; 33 Hateboer, 4 Cristante, 11 Freuler, 37 Spinazzola; 87 Mounier; 29 Petagna, 10 Gomez – A disp.: 31 Rossi, 6 Zukanovic, 77 Raimondi, 94 Melegoni, 88 Grassi, 7 D’Alessandro, 52 Cabezas, 95 Bastoni, 25 Konko, 19 Kessie, 43 Paloschi, 52 Cabezas – All.: Gasperini

PESCARA (4-3-3): 31 Bizzarri; 11 Zampano, 35 Coda, 83 Bovo, 3 Biraghi; 7 Verre, 13 Muntari, 8 Memushaj; 10 Benali, 20 Ceri, 28 Mitrita – A disp.: 1 Fiorillo, 12 Aldegani, 2 Crescenzi, 14 Campagnaro, 33 Coulibaly, 44 Fornasier, 36 Cubas, 16 Brugman, 30 Muric, 15 Bahebeck, 93 Milicevic, 9 Kastanos – All.: Zeman

ARBITRO: Fabbri di Ravenna

image_pdfimage_print