Le pagelle di Juventus-Atalanta

GOMEZ E’ SPAZIALE, TAMAZE MIGLIORA SEMPRE PIU’

E’ mancata la vittoria, ma non il contorno: la squadra continua il suo processo di crescita e convince contro la più forte squadra del campionato. Se Gomez ormai è sorprendente ogni partita che passa, piace sempre più anche il giovane Tamaze che il Gasp getta nella mischia e lui ricambia la fiducia avviando l’azione del momentaneo 2-1 nerazzurro. Bene anche Gollini, decisivo su Ronaldo nella ripresa; Ilicic prosegue il recupero con un’altra discreta prestazione.

LE PAGELLE

ALL.: GASPERINI 7.5: la sua Dea da spettacolo anche stasera, punito da due rigori dati solo grazie ad un regolamento molto discutibile. Nella ripresa colpisce come, nonostante rinunci alle sue tre bocche da fuoco davanti, i sostituti siano decisamente all’altezza e riescono a far male nuovamente alla Signora. Avanti tutta, il traguardo si avvicina!

GOLLINI 7: può poco sui due penalty calciati da uno come Ronaldo che non li sbaglia praticamente mai, ma è molto bravo sempre sul portoghese in uscita proprio pochi minuti prima del nuovo vantaggio nerazzurro.

TOLOI 7: grande partita, contro avversari quotatissimi concede davvero le briciole. Bravo!

PALOMINO 7: non al meglio, ma comunque positivo per la partita disputata sino alla sua sostituzione (CALDARA 6: dentro nell’ultimo quarto d’ora di gara. Sufficiente).

DJIMSITI 7: bravo anche per lui una prestazione davvero maiuscola questa sera. Resta in campo fino alla fine, tiene botta con tutti.

HATEBOER 7: corsa e qualità, oggi un po’ meno preciso del solito ma anche lui merita applausi come tutti i compagni.

DE ROON 6.5: nella circostanza del rigore è sfortunatissimo. Purtroppo però il regolamento parla chiaro. Una macchia importante che influisce sul giudizio complessivo ma in una prestazione assolutamente positiva.

FREULER 7: partita di alto livello anche la sua, concede poco e spesso è proiettato anche lui in avanti alla ricerca dell’imbucata giusta per i compagni (TAMAZE 7: ci mette un nulla a prender il mano la situazione e metterci lo zampino nell’azione che porta al raddoppio. Impressionante la crescita di questo ragazzo!).

CASTAGNE 7: il forfait improvviso di Gosens lo mette in rampa di lancio durante il riscaldamento. Sforna cross a ripetizione e non fa per nulla rimpiangere l’assenza del tedesco. Bravo!

GOMEZ 8: il primo quarto d’ora dove tira matti tutti gli arretrati bianconeri è qualcosa di spettacolare. Nella ripresa cala in quanto anche lui umano, ma è devastante finchè sta in campo (MALINOVSKYI 7.5: entra e non si fa pregare. Trova l’imbucata del 2-1, e sfiora anche un altro gol. Il ruolo di panchinaro inizia a stargli sempre più stretto…)

ILICIC 6.5: il percorso di crescita prosegue, anche oggi non è al top ma riesce a farsi notare per alcune belle giocate con lo scatenatissimo Papu, specie nel primo tempo. Sostituito nella ripresa. (PASALIC 6: non lascia molto traccia di se questa sera entrando a partita in corso).

ZAPATA 7: spacca la partita con un gran bel gol, poi combatte, tiene su i suoi e lotta su ogni pallone. Applausi! (MURIEL 6: assist perfetto nell’azione che porta al 2-1 nerazzurro, braccio colpevolmente ed inspiegabilmente largo in occasione del secondo rigore. Croce e delizia)




Le pagelle di Atalanta-Sampdoria

MURIEL EX SPIETATO, GOLLINI NON SI FA SORPRENDERE

Giudizi più che positivi per i nerazzurri in un match portato a casa in maniera non certo agevole dalla banda del Gasp: importanti infatti almeno un paio di ottimi interventi di Gollini ed una difesa mai così solida come nelle ultime tre. Ancora una volta il mister trova la mossa vincente in Muriel che segna il gol dell’ex che chiude i giochi per la Dea; solita partita incredibile invece per il Papu.

LE PAGELLE

ALL.: GASPERINI 9: diamo un voto tale alle vittorie consecutive di questa squadra, che oggi non brilla ma vince, proprio come fanno le vere grandi squadre risolvendo partite sporche in maniera cinica e spietata. Sabato con la Juve è quasi una tesi di laurea per una squadra che vuol diventare una big a tutti gli effetti. Ne vedremo delle belle!

GOLLINI 7: almeno due interventi importanti, più uno anche nel finale dove evita agli ospiti di ritornare in partita. Grande!

TOLOI 7.5: il miglior attacco è anche la difesa: ci prova varie volte nel corso del match e trova poi la testa vincente che sblocca una partita che sembrava quasi incanalata verso il pari. Fondamentale!

CALDARA 7: chiude bene gli spazi, non lascia nulla al caso.

DJIMSITI 7: concede anche lui poco agli avversari, viene ammonito e nella ripresa lascia spazio ad un ingresso più offensivo (DE ROON 6.5: entra e subito alza lo spessore della qualità in mezzo al campo).

HATEBOER 7: lo chiavano “cavallo pazzo” ed in effetti lui corre davvero da tutte le parti e pare non fermarsi mai.

PASALIC 6.5: soffre sempre un pochino in quel ruolo che non è propriamente suo, ma oggi è comunque molto positivo anche lui (MURIEL 7: entra e castiga nel giro di poco i suoi ex compagni. Segna un altro gol pesantissimo e diventa davvero l’arma in più per il mister).

FREULER 7: un po’ meno brillante del solito nel primo tempo, nella ripresa accelera anche lui e pian piano esce alla distanza.

GOSENS 6.5: anche lui fa fatica nella prima parte di gara, per poi esprimersi decisamente meglio nel secondo tempo (CASTAGNE s.v.: dentro nel finale, pochi palloni per lui)

GOMEZ 7.5: finisce stremato, ma anche oggi è qualcosa di superlativo. Alcuni palloni paiono telecomandati sui piedi dei compagni che si ritrovano palle gol dal nulla. Applausi.

ILICIC 6.5: finalmente lo rivediamo, e mostra decisi progressi. Non ha ancora la partita intera nelle gambe ma alcune giocate degne della sua fama oggi si sono viste (MALINOVSKYI 6.5: buon impatto sul match, prova anche a tirar qualche sassata delle sue, stavolta senza successo).

ZAPATA 6.5: si divora una grande occasione a fine primo tempo, ma è veramente sempre importante il contributo dato alla squadra in diversi settori del campo. Bene così (SUTALO s.v.: entra alla fine, si gode la festa con i compagni).




Le pagelle di Cagliari-Atalanta

TAMAZE, BUONA LA PRIMA; TOLOI ENTRA ED E’ DECISIVO

C’era molta curiosità intorno a diversi giocatori lanciati oggi in campo dal Gasp e, senza dubbio, hanno ben impressionato: bene Tamaze ma anche Sutalo in difesa si è fatto apprezzare anche se l’ingresso di Toloi nel finale diventerà fondamentale per il salvataggio del brasiliano su Nandez in pieno recupero. Molto bene anche Malinovskyi, in costante crescita.

LE PAGELLE

ALL.: GASPERINI 7.5: vince anche questa proponendo una squadra sperimentale, ma che convince. Unica pecca odierna è forse il fatto di non aver chiuso un match che i nerazzurri potevano e dovevano fare: un paio di rischi nella ripresa hanno rischiato di compromettere tutto. Poco male, la squadra non subisce gol per la seconda volta consecutiva.

SPORTIELLO 6.5: poco impegnato, ma tutto sommato se la cava dimostrando anche sicurezza. Bene.

CALDARA 6: il Var lo salva in occasione del gol di Simeone dove lui però si era fatto abbastanza sorprendere. Benino.

PALOMINO 6.5: bene in copertura, e sfiora persino il gol del raddoppio nel finale di primo tempo.

SUTALO 6.5: si è sentito tanto parlare di lui e del fatto che il Gasp lo apprezzi molto: oggi si sono viste cose positive. Che sia di buon auspicio questo inizio. (TOLOI 7: intervento decisivo in pieno recupero che evita ai suoi quella che avrebbe avuto il sapore della beffa dopo le tante occasioni sprecate. Provvidenziale!)

HATEBOER 6.5: bravo, e anche sfortunato quando di testa centra un clamoroso palo in avvio di ripresa (GOSENS s.v.: un quarto d’ora per lui, poco da dire).

DE ROON 6.5: bene, gioca una partita attenta e di grande quantità la in mezzo. Bravo!

TAMAZE 7: ci piace! Un paio di belle giocate, palloni mai banali e qualità che sembra non mancare. Se queste sono le premesse, ne vedremo delle belle!

CASTAGNE 6.5: impegna Cragno nel primo tempo alla gran parata, poi continua in un match decisamente positivo per il belga.

PASALIC 6.5: sbaglia un paio di occasioni importanti ma da anche il via a diverse azioni che portano i nostri a rendersi pericolosi. (ILICIC 6: sprazzi di classe, va anche vicino al gol nel finale. Sta tornando!)

MALINOVSKYI 7: spacca la partita con le sue giocate ma anche procurandosi il rigore che decide la partita. (GOMEZ 6.5: mezz’oretta per lui in cui regala anche qualche bella giocata).

MURIEL 7: decisivo dal dischetto, ha anche un’altra chance per poter fare bis ma senza successo. Decisivo! (ZAPATA 6.5: una discreta occasione che Cragno neutralizza con l’ennesima prodezza).




Le pagelle di Atalanta-Napoli

PASALIC RUGGISCE, IL PAPU REGALA L’ENNESIMO ASSIST

Diventa sempre più piacevolmente difficile trovare difetti ad una squadra che pare una vera e propria macchina da calcio pronta a regalare gioie a non finire ai propri tifosi: il Pasalic di oggi nella sua posizione ideale è perfetto come giocate e anche per il gol che sblocca il match frutto dell’ennesimo assist del Papu. Bene anche la difesa che oggi non concede gol ad un avversario molto rognoso come il Napoli. Nel finale esordio in serie A anche per Sutalo.

LE PAGELLE

ALL.: GASPERINI 8: per centrar il record di vittorie consecutive, oggi la sua Atalanta stupisce per intelligenza e capacità di saper aspettar l’avversario senza esporsi troppo. Nella ripresa da la sterzata vincente in avvio con quell’uno-due che manda al tappeto i sogni di rimonta Champions del Napoli e poi gestisce con ordine subendo anche poco. Giù il cappello!

GOLLINI 6.5: un liscio nel finale salvato dal fuorigioco di Milik per il resto anche un paio di interventi importanti.

TOLOI 6.5: bene, una partita fatta di solidità e attenzione oltre ad una discreta chance fallita nel primo tempo. (SUTALO s.v.: esordio in serie A per lui in una giornata davvero speciale per lui ed i compagni)

CALDARA 6.5: buona fase di copertura e spesso presente anche in qualche tentativo in zona offensiva (PALOMINO 6.5: uno spezzone di partita anche per lui, bene nonostante non fosse al meglio).

DJIMSITI 7: bravo, non era facile dopo le incertezze di Udine, e invece gioca una partita decisamente positiva (HATEBOER s.v.: dentro nel finale).

CASTAGNE 7: fa il bello ed il cattivo tempo ed avvia l’azione che porta al raddoppio

DE ROON 7: una diga la in mezzo che concede veramente le briciole agli avversari. Bravo!

FREULER 7: anche lui ruggisce, specie nella ripresa dopo un primo tempo un po’ timido. Prestazione maiuscola nella seconda parte del match.

GOSENS 7.5: firma il gol che da ancor più slancio ai suoi come ciliegina sulla torta di una prestazione super, l’ennesima del tedesco.

GOMEZ 7: assist vincente numero quindici in questa stagione: un altro record a cui magari in pochi fanno caso ma che rende l’idea dell’importanza straordinaria di questo giocatore (MURIEL s.v.: pochi minuti di gara per lui).

PASALIC 7.5: torna al suo posto ed i risultati si vedono. Può muoversi e spaziare con maggior libertà ed è pronto al posto giusto nel momento giusto al momento del cross del Papu che manda con la testa alle spalle di Meret (TAMAZE s.v.: ultimi scampoli di partita per il ragazzo).

ZAPATA 7: oggi non va a segno come ci ha abituato, ma è bene osservare sempre la sua partita. Trovarlo spesso a dar una mano ai compagni in fase di copertura rende bene l’idea della crescita continua di questo ragazzo.




Le pagelle di Udinese-Atalanta

MURIEL E’ DECISIVO, DJIMSITI E PASALIC IN SERATA-NO

Partita non certo spettacolare come nelle ultime due uscite, ma pratica e cinica quella dei nerazzurri questa sera: la chiave del match è sicuramente data dall’ingresso di Muriel nella ripresa. La doppietta del colombiano spiana la strada ai nerazzurri proprio quando l’Udinese pareva abbottonata al punto giusto per resistere all’assalto al fortino da parte della Dea. Non bene Djimsiti (infilato sul pareggio di lasagna) e Pasalic (oggi in un ruolo dove ha faticato molto).

LE PAGELLE:

ALL.: GASPERINI 7.5: la cambia dalla panchina, e la vince. I suoi oggi forse non brillano come nelle precedenti usciti ma è anche comprensibile giocando praticamente ogni tre giorni. La vittoria è di quelle pesantissime, la Roma è ora a tre punti ed il terzo posto dell’Inter non pare più una utopia. Da qui alla fine ci sarà ancora da divertirsi: ora il Napoli.

GOLLINI 6.5: prende due gol senza troppe colpe ma è complessivamente sempre attento e sicuro tra i pali.

TOLOI 6.5: un po’ in difficoltà in avvio, poi però la sua partita è sicuramente ben oltre la sufficienza.

CALDARA 6.5: pure per lui una gara con grande dispendio di energia, arriva stremato nel finale e con una ammonizione rimediata durante il match che un po’ lo ha condizionato.

DJIMSITI 5: suo malgrado colpevole in occasione del pareggio dove si fa sorprendere (e doppiare in velocità) da Lasagna che se ne va in porta per firmare l’1-1 (PALOMINO 6.5: nella ripresa tocca a lui che mostra sicuramente cose migliori rispetto al compagno).

HATEBOER 6.5: corre parecchio, ma nella ripresa la spia della riserva di energie inizia a lampeggiare (GOSENS 6.5: dentro il tempo che basta a dar un cambio di marcia ai suoi anche grazie al suo contributo).

PASALIC 5: fuori posizione o fuori forma? Difficile da capire, eppure dopo la squalificava poteva esser lui tra gli elementi più in palla della Dea, invece delude e fatica ad incidere. Sostituito (DE ROON 6.5: ci mette

FREULER 7: ormai inamovibile per il Gasp, tanta qualità e quantità la in mezzo dove la Dea riparte e spesso sa far male.

CASTAGNE 6.5: torna dopo diverse giornate passate tra panchina e pochi minuti in campo e convince con una prova decisamente positiva.

MALINOVSKYI 6: un paio di cannonate da fuori area che Musso sventa, ma anche qualche pallone perso davvero in maniera ingenua (MURIEL 8: croce e delizia: fa imbufalire il Gasp per alcune palle perse in maniera sciocca, ma tira fuori due autentiche perle che consentono ai suoi di portar a casa la vittoria e dare un altro colpo importante a chi insegue. Decisivo!).

GOMEZ 7.5: ancora una volta parte un po’ nascosto ma, col calare degli avversari, diventa devastante. Si conquista lui la punizione che Muriel trasforma nel gol del nuovo vantaggio. Immenso! (ILICIC s.v.: dentro nel finale, solo pochi minuti per lui).

ZAPATA 7: vede la sua ex squadra e la punisce anche stavolta. Gol, il suo, che sblocca il match, poi sparisce un po’ dai radar per ricomparire nella ripresa. Timbra anche stavolta.




Le pagelle di Atalanta-Lazio

PAPU MERAVIGLIOSO, PALOMINO FIRMA IL SORPASSO E NON SOLO…

Dopo un avvio difficile, la squadra reagisce e lavora ai fianchi l’avversario trovando il gol fondamentale con Gosens per provar poi la rimonta (poi riuscita) nella ripresa grazie ad un super-Papu e un centrocampo potente e dirompente che chiude la Lazio nella propria metà campo e la costringe alla resa. Palomino decisivo in fase di copertura, ma anche come goleador.

LE PAGELLE:

ALL.: GRITTI 8 (GASPERINI SQUALIFICATO): anche stavolta con lui in panchina non si perde. Scherzi a parte, la squadra fatica in quel momento difficile in avvio per poi ribattere colpo su colpo agli avversari e poi sormontarli fisicamente nella ripresa centrando la rimonta. Bene così, questa condizione fisica importante serva a metter il prima possibile più punti in cascina per tener lontani gli assalti al quarto posto sin qui meritatissimo.

GOLLINI 6.5: ne prende due senza particolari colpe, il resto è ordinaria amministrazione che da sicurezza ai suoi. Praticamente inoperoso nella ripresa.

TOLOI 7: un avvio difficile anche per lui, poi però è bravo ad uscire dal guado e non concedere praticamente più nulla agli avversari.

DJIMSITI 7: anche oggi va ad un passo dal gol che comunque non altera una prestazione più che lodevole dopo un avvio difficile.

PALOMINO 8: l’uomo della rimonta completata, un gol pesantissimo, un po’ come quello che aveva ripreso la Roma nella sfida di qualche mese fa. Decisivo!

HATEBOER 7: il Gasp non lo toglie mai, una ragione ci sarà. Peccato per quella buona opportunità nel primo tempo che manda fuori di poco.

DE ROON 6: che sfortuna quell’autogol tanto goffo quanto incredibile. Poco male visto il risultato, però stasera forse è un po’ meno in palla rispetto a precedenti uscite di ben altro spessore.

FREULER 7: un baluardo la in mezzo che nella ripresa lascia solo le briciole agli avversari.

GOSENS 7.5: finchè tiene è un autentico ciclone, porta palloni ovunque in area e riapre il match con un gol che, alla lunga, sarà decisivo. (CASTAGNE 6.5: buono il suo spezzone di gara, si gode nel finale la gioia della vittoria con i compagni).

MALINOVSKYI 8: ci prova due volte, la prima costringendo Strakosha alla grande parata, la seconda lo affonda con un missile (ILICIC s.v.: dentro nel finale, un paio di sterzate e poco più, ma il suo rientro è un segnale molto molto importante).

GOMEZ 7.5: parta un po’ in sordina, ma appena gli avversari allentano un po’ la presa diventa devastante. Nel finale arriva stremato ma, ciò nonostante, non ne vuol sapere di uscire. Applausi!

ZAPATA 6: un po’ imballato oggi, si divora subito una occasione clamorosa proprio poco prima dell’autogol di De Roon. Nel complesso una prova sufficiente e poco più (MURIEL 6: nel finale si divora un paio di occasioni facili che per fortuna non costano nulla ai suoi).




Le pagelle di Atalanta-Sassuolo

GOLLINI E’ PRODIGIOSO, LE GIOCATE DEL PAPU UNA DELIZIA

Non male quattro gol alla prima uscita dopo tre mesi per i ragazzi del Gasp; certo, un enorme grazie va fatto a Gollini, che dopo il 3-0 atalantino è autore almeno di un paio di grandi parate e, nella ripresa compie forse quella più bella su Defrel che andava a colpo praticamente sicuro. Difesa incerta, ma attacco atomico come ai bei tempi e pronto sempre a colpire.

LE PAGELLE:

ALL.: GASPERINI 8: i suoi paiono non essersi mai fermati. Certo, qualche amnesia dietro va comunque analizzata e possibilmente corretta il prima possibile, ma la squadra è rimasta unita e dimostra quella facilità nell’andar in porta e cercar la via del gol che fa sicuramente ben sperare per il futuro.

GOLLINI 8.5: può il portiere esser il migliore in campo di una partita vinta 4-1? La risposta è assolutamente si! Subito in avvio di gara compie due belle parate anche se su azioni in fuorigioco, ma poi è reattivo e determinante sul 3-0 in almeno tre circostanze dove il Sassuolo manda l’uomo solo davanti al portiere: bellissimo l’intervento nella ripresa su Defrel che pareva destinato ad un gol certo. Decisivo!

CALDARA 6.5: buona prova che ripaga la scelta di Gasperini che lo preferisce a Toloi.

DJIMSITI 7: trova il gol che sblocca la partita, e dietro è tra i più attenti e reattivi. Bene! (TOLOI 5.5: dentro nel finale, riesce a farsi ammonire e determinare la punizione che vale il gol della bandiera ospite).

PALOMINO 6: un po’ in sofferenza sulla velocità dei giocatori ospiti in alcuni frangenti, ma tutto sommato sufficiente la sua prova.

HATEBOER 6.5: un po’ incerto in avvio, poi però conquista campo e mette spesso in difficoltà i giocatori ospiti.

DE ROON 7: bella partita la sua, nella ripresa compie almeno un paio di ottimi interventi in mezzo utili a spezzar il tentativo ospite di riaprire la gara.

FREULER 7: anche lui da parecchia sostanza la in mezzo, anche una conclusione fuori di un soffio nello score della sua partita. Bene. (MALINOVSKYI 6: un paio di discreti inserimenti e poco altro).

GOSENS 7: gran partita anche per lui, pizzicato dal Var nell’azione che poteva già portare i suoi al raddoppio. Decisione molto severa, il tocco (se c’è) di mani pare lieve e sicuramente involontario.

GOMEZ 7.5: regala un paio di cioccolatini che valgono altrettanti gol, il Gasp lo tiene in campo praticamente fino all’ultimo e lui dimostra di essere in ottima condizione (COLLEY s.v.: dentro nel finale).

PASALIC 6.5: non brillantissimo stasera, ma che peccato per quell’ammonizione rimediata che gli costerà la sfida di mercoledì contro la Lazio…

ZAPATA 7.5: si era fermato alla tripletta in campionato di Lecce, oggi riprende con una doppietta che è sicuramente un ottimo biglietto da visita per lui. Buone giocate, spesso anche al servizio dei compagni. (MURIEL 6: dentro negli ultimi venti minuti, va anche vicino al gol).